02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
BOLLICINE

Feste di fine anno, spumanti italiani in forte crescita sul 2020. Ma pesa ancora l’incertezza

Le stime Osservatorio Economico Vini e Spumanti - Ovse: solo a Capodanno si stapperanno 40 milioni di bottiglie di bollicine made in Italy
FINE ANNO, GIAMPIETRO COMOLLI, OVSE, SPUMANTI, vino, Italia
Feste di fine anno, spumanti italiani in forte crescita sul 2020

Ancora un po’ contingentate tra “super green pass” e prudenza, le feste di fine anno 2021 si avvicinano e saranno decisamente più libere di quelle del 2020. E come sempre, saranno protagonisti gli spumanti, vini simbolo delle celebrazioni. E fare le prime stime di come andranno i brindisi è, come da tradizione, l’Osservatorio Economico Vini e Spumanti (Ovse), guidato da Giampietro Comolli. Secondo il quale, per vini e spumanti, gli italiani, a fine 2021, avranno speso tra il 14% ed il 17% in più sul 2020, per consumi domestici e regali, mentre il fuori casa crescerà più o meno del 10%. Valori in crescita, dunque, anche se non si arriverà ancora ai livelli del 2019, ultimo anno pre-covid. Per il brindisi delle festività di fine anno, ancora una volta, verranno privilegiate le produzioni italiane (da mondo del Prosecco - con Conegliano e Valdobbiadene, Asolo, e Prosecco doc - al Trentodoc, dal Franciacorta all’Asti, dall’Alta Langa all’Oltrepò, ndr).
“C’è voglia di uscire, ma anche di ritornare a festeggiare in casa con amici e parenti. Le prenotazioni fuoricasa sono state in forte rilancio fino a fine novembre, ma, tra superpass e Regioni di nuovo in giallo, tra gli operatori cresce la tensione per disdette dietro l’angolo. Le conferme arrivano solo all’ultimo momento. Insomma c’è voglia di spendere per Natale e Capodanno ma incertezze sul breve e medio termine”, sottolinea Comolli. In questo contesto, osserva l’analista economico, certi consumi, soprattutto in horeca, luoghi di vacanza, in montagna e per cibi & vini non indispensabili ma funzionali alle feste di fine anno, dipendono dall’ultima sicurezza e informazione. Anche in tutti i Paesi europei si respira la stessa aria.
“È un periodo - evidenzia Comolli - di consumi e acquisti concentrati: il 37-40% del totale annuo va in regali, feste, brindisi. Il confronto con le feste 2020 è estremamente positivo. Mancheranno all’appello ancora 6 milioni di bottiglie di bollicine rispetto al 2019. Le stime fissano in 67-68 milioni di bottiglie di spumanti italiani, con una spesa di 610-620 milioni di euro”.
Per la sola notte di Capodanno, secondo l’Ovse, si stapperanno 39-42 milioni di bottiglie di bollicine. Solo 2 milioni i tappi di Champagne che salteranno, in calo del 27% rispetto al 2019 e del 16% rispetto al 2020.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli