02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CANTINA ITALIA

Giacenze, a luglio nelle cantine del Belpaese 42 milioni di ettolitri di vino: +1,8% sul 2019

Dai dati dell’Icqrf, in Veneto quasi un quarto della produzione, tra le denominazioni guida il Prosecco, con 2,5 milioni di ettolitri
CANTINA ITALIA, DOP, GIACENZE, ICQRF, IGT, vino, Italia
Pubblicato il decreto applicativo per la distillazione d’emergenza

Al 29 luglio 2020, nelle cantine del Belpaese, erano presenti 42 milioni di ettolitri di vino, 3,6 milioni di ettolitri di mosti e 35.271 ettolitri di vino nuovo ancora in fermentazione. Sul 31 luglio 2019, si osserva un aumento delle giacenze dell’1,8% per i vini e una riduzione del 4,4% per i mosti e del 68% per i vini in fermentazione. In riduzione i dati delle giacenze rispetto al 22 luglio 2020: -1,8% per i vini, -6,0% per i mosti e -13,7% per i vini in fermentazione. Ecco, in estrema sintesi, l’ultimo aggiornamento di Cantina Italia firmato dall’Icqrf.
Oltre il 57% del vino è fisicamente detenuto nelle regioni del Nord: nel solo Veneto è presente quasi un quarto di tutto il vino nazionale, ossia 10,1 milioni di ettolitri (e addirittura il 26,3% delle produzioni a Dop e Igp),
soprattutto grazie al significativo contributo delle giacenze delle province di Verona (9,6%) e Treviso (9,1%), che detengono più vino (7,9 milioni di ettolitri) di Puglia e Sicilia sommate assieme (6,4 milioni di ettolitri). Nelle aziende della Toscana troviamo invece il 14,7% dei vini a Dop e Igp (4,8 milioni di ettolitri), in quelle del Piemonte l’8,9% (2,9 milioni di ettolitri) ed in quelle della Puglia il 7,9% (2,6 milioni di ettolitri). Per i vini generici, la quota maggiore è detenuta dall’Emilia Romagna (24,4%), pari a 2,2 milioni di ettolitri, quindi Veneto (16,1%, 1,4 milioni di ettolitri) e Puglia (15,3%, 1,4 milioni di ettolitri).
Il 52,6% del vino detenuto è a Dop con una prevalenza del rosso (56,8%). Il 25,7% del vino è a Igp, anche in questo caso con prevalenza del rosso (57,6%), mentre i vini varietali costituiscono appena l’1,5% del totale. Il restante 20,2% è costituito da altri vini. Nonostante il gran numero di denominazioni presenti (526), 10 denominazioni costituiscono il 38,7% del totale dei vini a denominazione ancora in cantina, e le prime 20 rappresentano oltre la metà del totale dei vini a denominazione (55,5%). Tra le denominazioni, il Prosecco pesa per il 7,7% delle giacenze (2,5 milioni di ettolitri), l’Igt Toscana per il 4,3% (1,4 milioni di ettolitri), l’Igt Puglia per il 3,7% (1,2 milioni di ettolitri), il Chianti per il 3,6% (1,2 milioni di ettolitri), il Montepulciano d’Abruzzo per il 3,6% (1,9 milioni di ettolitri).

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli