02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
MOSTRI SACRI

Gianni Morandi tra solidarietà e gastronomia: ad Assisi, prima del concerto, il Sagrantino di Caprai

Stasera - in diretta su Rai Uno - lo spettacolo presentato da Carlo Conti “Con il cuore”, dal sagrato della Basilica di San Francesco
ARNALDO CAPRAI, ASSISI, CONCERTO, GIANNI MORANDI, SAGRANTINO DI MONTEFALCO, UMBRIA, Italia
Gianni Morandi, prima del concerto di Assisi, beve Caprai

È uno dei mostri sacri della musica leggera italiana, di sicuro tra i più amati da più di una generazione: Gianni Morandi, dal sagrato della Basilica di San Francesco di Assisi, stasera darà voce al tradizionale spettacolo di solidarietà “Con il cuore”, il concerto evento - senza pubblico - condotto da Carlo Conti in diretta su Rai Uno alle 20.35, con i fondi raccolti che, quest’anno, serviranno ad aiutare le famiglie colpite dal Covid-19 e le mense francescane per i poveri. Prima del concerto, a pranzo, l’incontro con un caposaldo dell’Umbria: la sua gastronomia, alla Trattoria da Elide, bevendo una bottiglia di Sagrantino di Montefalco di Arnaldo Caprai (in foto), griffe storica dell’Italia enoica.
Del resto, come ha raccontato lo stesso Morandi - attraverso il comunicato stampa che ha lanciato l’evento - quello con l’Umbria, ed in particolar modo con Assisi, è un amore di lunghissima data. “Una volta - ricorda il cantante - ci sono stato insieme a Lucio Dalla, anche lui devotissimo di San Francesco, con Lucio ho avuto il piacere di fare una delle più belle visite ad Assisi, che lui conosceva molto bene. Mi ha fatto da Cicerone dentro la Basilica. Durante lo spettacolo lo ricorderemo con un paio di sue canzoni. Scende la pioggia è la canzone che abbiamo preparato un po' per esorcizzare. Abbiamo installato una copertura, così lo spettacolo si farà comunque, ma noi speriamo che San Francesco ci faccia un regalo. Sono venuto tante volte a visitare la Basilica e poi tante volte anche solo da turista. Saremo senza pubblico dal vivo, dobbiamo farlo così in questo momento, con le nostre canzoni, dobbiamo dare un messaggio di speranza e di ripartenza. E, comunque, speriamo che il pubblico ci sia da casa. Siamo felici di essere qui e contribuire a questa raccolta fondi, sappiamo che i frati francescani aiutano le persone veramente in difficoltà. Poi, lo spettacolo continua, andiamo avanti e facciamo tutto quel che si può. Io mi diverto anche, ma mi impegnerò fino in fondo”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli