02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
UN’INTRAMONTABILE PASSIONE

Gli americani “pazzi” per la vera pizza napoletana: lo conferma l’Istituto Americano di Neuroscienze

Secondo una ricerca, commissionata da Avpn-Associazione Verace Pizza Napoletana, la pizza made in Italy batte le innumerevoli varianti american style
ASSOCIAZIONE VERACE PIZZA NAPOLETANA, NEUROMARKETING, PIZZA NAPOLETANA, USA, Non Solo Vino
Tra gli americani e la pizza napoletana, la passione è intramontabile

Gli americani vanno “pazzi” per la vera pizza napoletana: lo conferma l’Istituto Americano di Neuroscienze, in una ricerca commissionata da Avpn-Associazione Verace Pizza Napoletana. In una sorta di sfida basata sui concetti del neuromarketing, il prodotto simbolo del made in Italy batte le innumerevoli pizze “american style” per qualità, tradizione e sapore, oltre a stravincere nella percezione legata all’ambito salutistico. Un risultato importante ottenuto in un Paese che vanta con la pizza un rapporto molto stretto al punto di poter contare su numerose varianti: New York Style, Chicago Style, Detroit Style, California Style e molte altre ancora, tutte messe in fila, in questa particolare classifica, dall’amatissima Vera Pizza Napoletana.
Ad emergere dalla ricerca - presentata, nei giorni scorsi, a “Pizza Expo” a Las Vegas, dove è stato premiato anche il miglior pizzaiolo della pizza napoletana che volerà in Italia per le “Olimpiadi della Pizza”, di scena a Napoli dal 3 al 6 luglio - è anche la crescita esponenziale del 52% sulla East Coast e l’endorsement costituito dal marchio Vera Pizza Napoletana, vero e proprio driver di scelta nelle intenzioni di acquisto del consumatore americano. E dagli Usa all’Europa: il 30 e 31 marzo l’Avpn sarà al “Parizza”, la più importante fiera europea dedicata alla pizza a Parigi, per stringere un accordo con cinque scuole transalpine che si vedranno riconosciuto l’accreditamento all’Associazione della Vera Pizza Napoletana.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli