02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ECONOMIA

I distretti dell’agroalimentare italiano in crescita nonostante il Covid: export a +9,3% sul 2019

Il Monitor della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo: la filiera dei vini mantiene il primato delle esportazioni nel primo trimestre 2020
agroalimentare, DISTRETTI, INTESA SAN PAOLO, MADE IN ITALY, Italia
Distretti dell'agroalimentare in crescita nel 2020, vino locomotiva

Dopo un 2019 da record, con 43 miliardi di euro di export, l’agroalimentare italiano ha fatto segnare risultati importanti anche, nel primo trimestre 2020, soprattutto grazie ai suoi distretti del vino e del cibo, nonostante il Covid abbia colpito duro soprattutto tra fine febbraio e marzo. Nel primo trimestre del 2020, i distretti agroalimentari hanno realizzato in totale 5,1 miliardi di esportazioni, miglior trimestre invernale di sempre, con +9,3% rispetto allo stesso periodo del 2019 (+8,1% la crescita complessiva dell’agroalimentare italiano), mentre i distretti non agroalimentari arretrano di circa 10 punti percentuali. A dirlo il Monitor Distretti della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo. Risultati significativi che, come viene sottolineato, vanno letti anche alla luce delle profonde modifiche intervenute nelle abitudini di consumo adottate nel mese di marzo, che ha rappresentato l’inizio delle misure di lockdown in Italia, poi progressivamente estese nel resto d’Europa.
“Il fermo produttivo di alcuni settori identificati come “non essenziali” - spiega lo studio - sebbene non abbia riguardato direttamente l’industria agro-alimentare, ha tuttavia avuto importanti ripercussioni sulla mobilità delle persone, che hanno trasferito parte dei loro consumi in ambito domestico, determinando una forte domanda da parte della grande distribuzione, (con un vero e proprio “effetto accaparramento”) mentre il canale della ristorazione, dell’hotellerie e del catering ha praticamente azzerato la propria operatività. Queste modifiche hanno riguardato non solo il mercato interno, ma anche gli altri paesi nostri partner commerciali, con impatti sul commercio globale”.
L’analisi per filiera dei risultati di vendita sui mercati esteri del primo trimestre 2020, spiega Intesa Sanpaolo, “permette di evidenziare in maniera più evidente alcuni di questi trend”: se la filiera dei vini mantiene il primato delle esportazioni nei primi tre mesi del 2020, con oltre 1,3 miliardi di euro(+6,1% tendenziale), è la filiera della pasta e dei dolci quella che realizza il maggior contributo alla crescita del trimestre, arrivando a superare il miliardo di euro, con un incremento del 27,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Anche le filiere della carne e dei salumi (+10,1% tendenziale) e del riso (+12,3%) vantano risultati lusinghieri nel primo trimestre 2020, beneficiando dell’incremento dei consumi domestici. Molto bene anche la filiera delle conserve (+5%) e del lattiero-caseario (+4,6%); in positivo il bilancio per le filiere dell’olio (+3,6%) e per i distretti agricoli (+1,8%) che avevano entrambe chiuso in negativo il 2019. Unica filiera in regresso è quella dei prodotti ittici, per le probabili minori richieste pervenute dal canale ho.re.ca. Dal report emerge come tutte le principali aree di destinazione delle esportazioni agro-alimentari distrettuali italiane mostrino tassi di crescita significativi nel primo trimestre 2020: la Germania, primo partner commerciale, è cresciuta dell’11,5%, soprattutto nel comparto dei prodotti agricoli, che pesano un terzo del totale. Anche gli Stati Uniti si fermano poco sotto la doppia cifra (+9%): gli acquisti da parte di questo partner commerciale si concentrano soprattutto verso i vini (oltre il 50%), che crescono dell’8,1% come probabile effetto combinato di due fattori esogeni rappresentati dal rischio di adozione di nuovi dazi (poi rientrato a febbraio) e dalla pandemia, fattori che hanno prima favorito e poi penalizzato la crescita delle nostre esportazioni di vino. In progresso di oltre il 20% le esportazioni verso la Francia, unica eccezione in questo panorama il Regno Unito, che cala del 3,8% tendenziale nel primo trimestre a seguito anche di un rischio “no deal” in tema Brexit. “La questione - spiega il monitor - interessa non solo le imprese italiane, per la rilevanza che il Paese rappresenta per il nostro export, ma il Regno Unito stesso, lontano dall’auto-sufficienza alimentare.
Nel complesso, le esportazioni italiane dei distretti agro-alimentari si rivolgono ancora prevalentemente a paesi in economie mature (per oltre l’80%). Negli ultimi trimestri le economie emergenti avevano mostrato tassi di crescita superiori a quelle avanzate, ma la tendenza si è invertita nel primo trimestre del 2020, anche a causa delle maggiori richieste da parte del mercato europeo e per i problemi di trasporti sul lungo raggio causati dall’emergenza sanitaria”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli