02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO, ARTE E TERRITORIO

I grandi pittori veneziani in mondovisione sul Ponte di Rialto, insieme al Prosecco Doc

L’iniziativa “Natale di Luce 2020”, voluta dal Comune in vista dei 1.600 anni dalla fondazione di Venezia, sostenuta dalle famose bollicine italiane

Il sostegno del vino italiano al racconto della bellezza del made in Italy non si ferma, neanche nelle mille difficoltà della pandemia. Con storie di eccellenza, che sanno legare il successo di produttori e denominazioni del vino ai luoghi simbolo della storia e della cultura d’Italia, come succede, ancora una volta, tra il Prosecco Doc e Venezia. Con “Natale di Luce 2020”, che tinge d’arte il Ponte di Rialto verso i 1600 anni di Venezia (la cui fondazione è datata 25 marzo 421, ndr), un gioco di luci che proietta su uno dei ponti più belli del mondo le immagini dei grandi protagonisti della storia, dell’arte e dell’architettura di Venezia, preludio delle celebrazioni per l’importante anniversario. La videoproiezione, a cura del Comune di Venezia e Vela Spa, con la partnership del Prosecco Doc, sarà di scena dal 5 dicembre (dall’imbrunire a tarda serata) al 31 dicembre 2020. Una rassegna di grandi interpreti - da Carpaccio al Canaletto - che hanno progettato o raccontato quel punto nevralgico di commerci e di scambi che unisce le due sponde del Canal Grande.
“Insieme alla vocazione all’internazionalità, qualità indiscussa di Venezia” - osserva il presidente del Consorzio Prosecco Doc, Stefano Zanette - “ci sentiamo accomunati a questa meravigliosa città per gli stessi valori condivisi dal sindaco Brugnaro: rispetto della tradizione e tendenza all’innovazione sono peculiarità che appartengono al Dna del Prosecco, prova ne sia la recente decisione di portare nel mondo il Prosecco Rosé, connubio perfetto di storia e modernità. Il successo che questo prodotto sta conseguendo nel mondo, ci gratifica ma non ci fa scordare le molte realtà che in questo momento vivono situazioni di disagio. A loro va il nostro pensiero unito a un sentimento di solidarietà che vorremmo suggellare con un brindisi ideale di buon auspicio fatto proprio dal Ponte di Rialto”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli