02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
FORMAZIONE

Ied: costruire i valori del brand, l’identità e il tono di voce per comunicare vino e territorio

Tra Firenze e Barcellona torna il Master in “Brand Design & Management: food, wine and tourism”
BRAND DESIGN, IED, MANAGEMENT, MASTER, TERRITORI, vino, Italia
I vigneti di Toscana, tra i più ammirati del mondo

In un periodo in cui i settori della ristorazione e del turismo hanno sofferto e molto, a causa delle restrizioni pandemiche, nella prospettiva di una rapida ripresa giocherà un ruolo fondamentale la capacità di offrire nuove esperienze emotive. È con questo obiettivo che Ied Firenze apre il Master in “Brand Design and Management: food, wine and tourism” n. 6, rivolto a studenti e a giovani professionisti - con un metodo interdisciplinare tra design, arte, lifestyle e moda - per sviluppare competenze manageriali nel settore horeca ed essere in grado di costruire i valori di un brand, la sua identità, il tono di voce per comunicare e relazionarsi con i clienti.

“Oggi le persone non comprano solo beni e servizi, ma cercano storie e magia anche nei settori enogastronomici e turistico”, spiega Igor Zanti, direttore Ied Firenze. “La gestione della relazione, con un approccio coinvolgente e creativo, sarà la chiave per riconquistare la fiducia dei propri clienti”. Il corso, annuale e in inglese, si terrà tra Firenze e Barcellona, ed offre competenze trasversali nel service design applicato all’hospitality e al turismo, con un focus specifico sul food (Barcellona) e sul vino (Firenze). “Catalogna e Toscana sono due regioni che hanno costruito il valore del proprio brand sulla territorialità come chiave per la riconoscibilità globale. Grazie a questo Master, gli studenti avranno la possibilità di sperimentare le diverse metodologie di branding e project management di successo, in uso in due tra le più importanti destinazioni turistiche in Europa”, conclude Igor Zanti.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli