02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL CALDO È SERVITO

Il clima pazzo danneggia l’agricoltura, ma fa anche schizzare in alto i consumi di frutta e verdura

Coldiretti: “nell’ultima settimana domanda a +15%, e crescono anche consumi di gelato, acqua e birra. Bene anche l’export”
CALDO, Coldiretti, FRUTTA, VERDURA, Non Solo Vino
Il clima pazzo danneggia l’agricoltura, ma fa anche schizzare in alto i consumi di frutta e verdura

Se da un lato il caldo torrido ed gli eventi climatici estremi danneggiano in maniera pesante l’agricoltura, dall’altro le temperature da record, insieme ad una attenzione sempre maggiore alla salute anche nel piatto, fanno schizzare in alto i consumi di frutta e verdura, con picchi del +15% nell’ultima settimana, ma un balzo si registra anche per i gelati, la birra e l’acqua che aiutano a combattere la grande afa. A rilevarlo la Coldiretti. Che evidenzia come “l’aumento della domanda di frutta e verdura made in Italy non ha riguardato solo i consumi interni, ma anche le esportazioni, che hanno registrato nello stesso periodo un deciso aumento in Europa investita da una decisa ondata di caldo in numerosi Paesi come la Francia, ma anche in Gran Bretagna e in Germania, il principale mercato estero di destinazione della produzione italiana. La svolta meteo - precisa la Coldiretti - ha cambiato il menu e spinto a portare in tavola o in spiaggia cibi freschi genuini e dietetici che dissetano, reintegrano i sali minerali persi con il sudore e riforniscono di vitamine come la frutta”.
Peraltro le condizioni climatiche favorevoli del mese di giugno e luglio - continua la Coldiretti, che nei giorni scorsi ha sottolineato - hanno favorito la produzione di frutta dolcissima con un elevato grado zuccherino e di sostanze antiossidanti (vitamine, antociani e betacaroteni). Nonostante questo i compensi riconosciuti agli agricoltori per alcuni prodotti sono del tutto insoddisfacenti, al di sotto dei costi di produzione, con i prezzi che moltiplicano dal campo alla tavola per colpa delle distorsioni lungo la filiera e delle importazioni selvagge di prodotto straniero spacciato per italiano.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli