02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA CURIOSITÀ

Il miglior metodo classico d’Italia? Per gli inglesi è l’Alta Langa. Così il magazine Uk “Decanter”

Di Deltetto e Marcalberto i due spumanti migliori nella degustazione che ha messo a confronto i territori della spumantistica italiana “classica”
ALTA LANGA, DECANTER, METODO CLASSICO, Italia
Alta Langa al top del metodo classico italiano secondo Decanter

Gli inglesi non hanno dubbi: il miglior metodo classico d’Italia è l’Alta Langa. Le bollicine piemontesi guidano in solitaria la classifica “Premium Italian Sparkling Wines” di Decanter, la più autorevole testata di critica enoica in Uk. Il Il panel, costituito dai giudici Andrea Briccarello, Michael Garner e Anthony Rose, sottolinea il Consorzio dell’Alta Langa, guidato da Giulio Bava,
ha analizzato vini metodo classico provenienti da Piemonte, Lombardia, Veneto, Trentino, Emilia Romagna, Puglia e Sicilia, da tutte le denominazioni storiche come la stessa Alta Langa, il Trentodoc, la Franciacorta e non solo. E dei 95 vini degustati, i due migliori, gli unici giudicati “outstanding” (entrambi con 95 punti su 100) sono stati il Millesimato Brut Alta Langa 2016 di Deltetto e Millesimato Extra Brut Alta Langa 2016 di Marcalberto, e molti altri sono quelli più quotati. Si legge nell’articolo: “i giudici hanno apprezzato la qualità e la coerenza degli spumanti metodo classico d’Italia (...), l’Alta Langa piemontese è stata definita da Michael Garner come una regione a cui guardare”. “Accogliamo con grande interesse il risultato della degustazione di Decanter: il nostro Consorzio sta lavorando per la qualità e questi segnali confermano la crescita costante della denominazione. Accanto ai numeri - ettari di vigneto (314), produttori (90 vigneron e 35 case spumantiere), referenze, bottiglie prodotte complessivamente (2 milioni nel 2009) - crescono autorevolezza e notorietà”, commenta il presidente del Consorzio Alta Langa, Giulio Bava.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli