02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sassicaia, il Brunello di Montalcino Case Basse di Gianfranco Soldera ed il Barolo di Bruno Giacosa: ecco, nell’ordine i vini italiani più contraffatti nel mondo. A dirlo una delle massime esperte sul tema, Maureen Downey (Chai Consulting)

Italia
Sassicaia Brunello Soldera e Barolo Giacosa i vini italiani più contraffatti

Il Sassicaia, il Brunello di Montalcino Case Basse di Gianfranco Soldera ed il Barolo di Bruno Giacosa: ecco, nell’ordine i vini italiani più contraffatti nel mondo, ed in particolare nell’area asiatica. Prima degli italiani, però, al top assoluto di questa sgradita classifica ci sono Domaine de la Romanée-Conti, Henri Jayer, Domaine Dujac, Château Cheval Blanc, Château Petrus, Château Lafite Rothschild, Château Latour, Château Mouton Rothschild, Château Lafleur, Château Le Pin, Château Latour à Pomerol, Château Rayas e Jaboulet La Chapelle Hermitage. Almeno è quanto sostiene, secondo “Wine-Searcher”, Maureen Downey, fondatrice di Chai Consulting, ritenuta una delle più importanti realtà per la verifica dell’autenticità dei vini, chiamata anche come consulente nel processo Kurniawan, che ha portato alla condanna di 10 anni di carcere e quasi 50 milioni di dollari di sanzioni varie per il più grande falsario enoico di tutti i tempi. Ma la Downey rassicura: sono poche, in realtà, le annate nel mirino dei criminali del vino ...
Info: www.chaiconsulting.com

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli