02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SOLIDARIETÀ IN BOTTIGLIA

Il vino che fa (del) bene: cresce il progetto “Life in Rosè” di Bosco del Merlo (Paladin)

Al Pinot Grigio Rosè si aggiunge il Prosecco Rosè: raccolti in un mese 5.000 euro per la Lilt a sostegno dell’Associazione Nastro Rosa

Il binomio vino-beneficenza non tradisce mai: ennesima testimonianza è il progetto “Life in Rosé” di Bosco del Merlo, cantina del gruppo Paladin, che, da anni, collabora con la Lilt (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) di Treviso a sostegno dell’Associazione Nastro Rosa. Con il suo Pinot Grigio Rosè, e da ora anche con il nuovo Prosecco Rosè, grazie al quale in un mese ha raccolto oltre 5.000 euro.
“Un progetto a cui teniamo molto, e che, oltre all’azienda, ha coinvolto anche i nostri clienti in tutta Italia, che ci hanno aiutato a diffondere questo messaggio di solidarietà per noi davvero importante”, ha detto oggi Francesca Paladin, nella diretta Facebook dedicata all’iniziativa ed al lancio del nuovo Prosecco Rosè di Casa Paladin, insieme al direttore del Consorzio del Prosecco Luca Giavi, alla vicepresidente della Lilt Treviso Nelly Raisi Mantovani ed alle blogger Giulia Sattin e Chiara Canzian.

Un progetto, Life in Rosè, che “fa parte della filosofia di sostenibilità di Bosco del Merlo, che si esprime attraverso le 4V (vino, verde, vite e vita), quattro pilastri che rappresentano un impegno a tutto tondo dell’azienda nel sostenere progetti di utilità sociale e ambientale”.
“Da anni come Consorzio siamo impegnati in iniziative di solidarietà - ha commentato Luca Giavi, direttore del Consorzio del Prosecco Doc - e questa bella iniziativa di Bosco del Merlo e Paladin è un segnale importante. Parliamo sempre di sostenibilità ambientale, ma c’è anche quella sociale. Le nostre produzioni sono legate ai territori, e restituire agli altri un po’ del beneficio che dai territori arriva, è fondamentale”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli