02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ENOTURISMO E STORYTELLING

Immagini e parole che raccontano il territorio con le emozioni: “case history” Friuli Venezia Giulia

Il video-progetto di PromoTurismoFVG e Strada del Vino e dei Sapori Friuli Venezia Giulia, “letto” da Fede & Tinto, voci storiche di Decanter (Radio2)
DENCANTER, ENOTURISMO, FEDE, FRIULI VENEZIA GIULIA, PROMOTURISMOFVG, STORYTELLING, STRADA DEL VINO E DEI SAPORI, TINTO, vino, Italia
Sulla Strada del Vino e dei Sapori del Friuli Venezia Giulia

Raccontare il territorio, e le sue tante eccellenze, i suoi mille percorsi enogastronomici possibili, senza mai nominarli, ma giocando su immagini che si raccontano da sole, e su parole che non parlano di luoghi o di prodotti, ma di emozioni. Moderna chiave di storytelling esplorata in maniera profonda dalla Strada del Vino e dei Sapori del Friuli Venezia Giulia, con la regia di PromoTurismoFVG, che ha realizzato sette video diversi, realizzati in 14 mesi, rincorrendo le sfaccettature delle quattro stagioni di vigneti, cantine, ristoranti, siti culturali e ambienti naturalistici, per riuscire a carpire l’attenzione di chi li guarda e li ascolta, anche attraverso una voce narrante che, quasi timidamente, accompagna alla scoperta dell’anima del territorio chi sa ascoltare. con l’intento di dare voce al territorio attraverso la narrazione dei racconti che si incontrano sul fiume, in riviera, in montagna, sui colli e sul Carso del Friuli Venezia Giulia. Un progetto organico come non se ne vedono molti nel mondo della promozione territoriale ed enoturistica, firmato dall’agenzia grazie alla quale il Friuli Venezia Giulia, tra le mete enoturistiche d’Italia più gettonate, sarà “Capitale mondiale dell’enoturismo”, nel 2020, quanto a Trieste (24-26 marzo), sarà di scena la prestigiosa International Wine Tourism Conference, conferenza nata in Spagna nel 2009, che va in scena ogni anno scegliendo come luogo ospitante una destinazione in ascesa per il turismo enogastronomico.
Un progetto di comunicazione lanciato nei giorni scorsi, e tenuti a battesimo da due dei più celebri comunicatori e narratori del vino italiano, Fede e Tinto di Decanter, storica trasmissione di Radio2 (Federico Quaranta è anche il conduttore della famosa trasmissione tv di RaiUno “LineaVerde”). “Sono video che non parlano di artigiani, o di prodotti, o di produzioni agricole, non parlano di nient’altro che di sentimenti - dice Federico Quaranta - credo che siano veramente efficaci, anche perchè la comunicazione ormai si fa così. Video non troppo lunghi, che parlano alla pancia e non alla ragione, emozionali, che ti facciano comprendere subito quanta bellezza e quanto valore c’è. E loro sono andati anche oltre, realizzando tutta una serie di viaggi visivi nei loro territori, senza una vera e propria distinzione. Le immagini alle immagini, le parole alle parole, è puro storytelling, il racconto di una storia molto intima e molto personale, ed il racconto del paesaggio, due racconti paralleli, azzeccatissimi”.
“Il Friuli Venezia Giulia, già è composto da tre parole, quindi fare un’unica strada del vino e dei sapori è sinonimo di un progetto voluto da tutto il territorio - aggiunge Nicola Prudente, “alias” Tinto - è un lavoro che spinge all’aggregazione, e soprattutto non c’è solo il vino, ci sono i territori, i borghi, la storia e l’arte, a ribadire che quello che funziona è l’unione tra enogastronomia e turismo, che sono strettamente legate”.
Sette i video, con il primo a legare gli altri sei, dedicati a “da noi in Carso”, “da noi in Pianura”, “da noi sul Fiume”, “da noi in Riviera”, “da noi in Montagna”, “da noi sui Colli”, i sei ambiti territoriali della Strada, con cui “PromoTurismoFVG vuole corteggiare il pubblico parlando in modo diverso, diretto, quasi smaliziato di un turismo enogastronomico fatto di tradizioni, eccellenze e vita quotidiana, che il turista seppur in una regione così piccola può ritrovare”.
Gli obiettivi strategici del progetto della Strada del Vino e dei Sapori, che oggi conta già circa 300 aderenti fra produttori di vino, aziende agroalimentari, ristoranti e artigiani, sono molteplici: attrarre la nicchia di mercato che vuole vivere un’esperienza di vacanza profonda e immersa nell’enogastronomia del Friuli Venezia Giulia, creare prodotti e servizi integrati e su misura per l’enoturista che si muove sia individualmente sia in gruppi organizzati, valorizzare le attività legate al vino e agli altri prodotti del territorio, attuare azioni promozionali atte a posizionare l’offerta nel mercato di riferimento, comunicare e promuovere un contenitore unico che racchiuda le proposte del territorio e degli attori coinvolti e, infine, integrare i contenuti della Strada con la strategia promo-commerciale di PromoTurismoFVG e con le strategie di tutti gli stakeholder del territorio.
Una “case history” lanciata da quel Friuli Venezia Giulia che è al momento la sola regione in Italia ad avere un ente unico che fa da regia al progetto della Strada, segue tutte le azioni legate all’operatività con le proprie risorse interne ed è, inoltre, la prima regione in Italia a regolare (ex art.6 lr 22/2015) la somministrazione di produzioni agroalimentari tradizionali e produzioni tipiche e di qualità non cucinate, unitamente all’assaggio del vino nelle visite in cantina.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli