Slow Wine 2024
Allegrini 2024
BOLLICINE

In Italia si torna a brindare come nel 2019: nelle feste salteranno 78 milioni di tappi di spumante

Le stime dell’Osservatorio Spumanti Ovse-Ceves, guidato da Giampietro Comolli. 240 milioni di bottiglie tricolore aperte in tutto il mondo
FESTE, GIAMPIETRO COMOLLI, OVSE, SPUMANTI, vino, Italia
Bottiglie di spumante (Ph: Paola Papelletto via Unsplash)

I problemi non mancano, tra inflazione, guerra, caro energia e recessione in vista. Ma in Italia e nel mondo c’è voglia di brindare, come prima, più di prima. Tanto che, in Italia, nei trenta giorni intorno alle festività, si stapperanno tra i 75 ed i 78 milioni di bottiglie di spumante (in linea, nei massimi, con i 78,4 milioni del 2019), per un valore di 280-290 milioni alla produzione, che diventano 700 al consumo. Con la sole notte di Capodanno che vedrà saltare tra 36 e 29 milioni di bottiglie di spumanti, per un valore al consumo intorno ai 400 milioni di euro. A dirlo le prime stime dell’Osservatorio spumanti Ovse-Ceves, guidato da Giampietro Comolli. Secondo cui ci sarà anche un’ulteriore crescita del +8,5% all’estero, dove salteranno tra i 225 ed i 240 milioni di tappi di spumanti italiani. E se il Prosecco Doc consolida la sua leadership di mercato, ma crescono anche Conegliano Valdobbiadene Docg (e anche con il cru “Cartizze”) e l’Asolo Docg, hanno segno positivo anche Alta Langa e Trentodoc, mentre è stabile il Franciacorta, anche per via di produzioni non proprio abbondanti nelle ultime vendemmie, con diverse cantine che hanno, da tempo, esaurito le scorte. Ma, spiega l’Osservatorio, continua a crescere il trend che vede protagoniste le bollicine da vitigni autoctoni prodotti in territorio dove fare spumante è più l’eccezione che la regola.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli