02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VERSO IL FUTURO

Innovazione, autenticità e sostenibilità, per la tutela e la valorizzazione dei territori del vino

Il messaggio dai vigneti del Prosecco Docg, patrimonio Unesco, nella “Vendemmia Notturna Grappoli di Luna” de “La vigna di Sarah”

“La sostenibilità non è solo prodotto, è un modo d’essere, di vivere. Anche quest’anno, con l’evento “Vendemmia Notturna Grappoli di Luna”, vogliamo approfondire questo concetto e mostrare come la sostenibilità sia perseguibile attraverso un sapiente uso di tecnologia e innovazione, unite alla passione e al lavoro di uomini e donne del territorio. Un territorio, il nostro, che va salvaguardato, valorizzato e fatto conoscere in tutto il mondo”. Parole di Sarah Dei Tos, titolare de “La Vigna di Sarah”, a Vittorio Veneto, dove, nei giorni scorsi, è andata in scena “Grappoli di Luna. Vendemmia Notturna”, edizione n. 7, patrocinata quest’anno dall’Associazione per il Patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene. Un evento, ha detto Sarah Dei Tos “che è anche un modo per celebrare uomini e donne che lavorano con e per il territorio. L’unicità e la tipicità delle Colline del Prosecco è data infatti dal rapporto tra uomo e natura, ovvero come l’intelligenza umana ha saputo interagire con ciò che il territorio ha saputo offrire e lo ha valorizzato. Un territorio diventato Patrimonio Unesco, il cui riconoscimento è merito dell’operosità della popolazione veneta e di chi ha reso queste colline ciò che sono”.
E se ora questa area divenuta Patrimonio dell’Umanità va valorizzata “attraverso un turismo slow e sostenibile”, e vada fatta “conoscere a livello internazionale per tutto ciò che essa rappresenta: natura, cultura, gastronomia e naturalmente vino”, ha detto Marina Montedoro, presidente dell’Associazione per il Patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, e mentre il Consorzio della Docg è alle prese con “un intenso lavoro di studio per ridurre ulteriormente l’uso di fitofarmaci, con la volontà di creare in futuro un bio-distretto, considerando come molte aziende stanno virando biologico”, ha ricordato Giuseppe Collatuzzo, vice presidente del Consorzio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg (guidato da Elvira Bortolomiol), il vigneto del futuro, secondo il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, sarà “sempre più sostenibile e connesso al mondo digitale, con processi di produzione certificati e trasparenti. Autenticità, innovazione e sostenibilità sono le chiavi per la tutela di un patrimonio universale, come lo sono le Colline del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene”. E , tra degustazioni di Prosecco e di prodotti del territorio, è stato consegnato anche il “Premio La Vigna di Sarah Bio per l’agricoltura eroica” che, quest’anno, è andato ad una eccellenza del territorio delle Colline del Prosecco: l’Osteria al Castelletto e la sua proprietaria Clementina Viezzer, simbolo di amore e passione per i prodotti del territorio, mixato alla sapienza di antiche tradizioni.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli