02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Portati a casa il vino ... Nell’ampio paniere di rincari trova posto anche il vino, con ricarichi impressionanti, anche del 300% da produttore a ristoratore. Un divario antico, ma accentuato in questi mesi sia dalla forte riscoperta del prodotto sia dai più generali rincari lungo la filiera. Sono per primi i ristoratori a cercare vie alternative o, se vogliamo, palliativi, a questa escalation dei prezzi. L’hanno presentata i ristoratori piemontesi in un convegno alla “Douja d’or” di Asti, una tra le più antiche manifestazioni del settore in Italia. La proposta, già in atto in molti esercizi, in Italia e all’estero, è quella di consegnare ritappata in un’apposita confezione, al cliente, la bottiglia eventualmente non consumata al ristorante. Questi ammortizzerà del tutto il prezzo pagato per la bottiglia e potrà gustarla appieno anche a casa. Per la statistica, in base allo studio presentato ad Asti, un Barbera d’Asti costa, Iva e trasporto inculusi, 4,8 euro e viene rivenduta mediamente a 13,5 euro a Roma (+237%) e anche 50 a Mosca (+1150%).

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli