02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Barbera Asti vuole la Docg, fascette addio ... Raccolta firme... Per la Barbera d’Asti non si parla più di marchiare le bottiglie con fascette regionali ma si è tornati a discutere dell’ottenimento della Docg. È iniziata la campagna di raccolta delle oltre 2 mila firme necessarie a supportare la modifica del disciplinare di produzione sia della Barbera d’Asti sia di quella del Monferrato, tenendo però conto che solo quella classificata “superiore” entrerebbe a far parte della Docg.
“Il passaggio a Docg di Barbera d’Asti e Barbera del Monferrato Superiore, la separazione degli albi tra Barbera d’Asti e Barbera del Monferrato, la revisione prioritaria degli albi delle Doc Barbera d’Asti, Barbera Monferrato e Piemonte Barbera, l’inserimento della tipologia frizzante nella denominazione Piemonte Barbera”, spiega il presidente del consorzio di tutela dei vini d’Asti e del Monferrato, Giovanni Chiarle, “sono i primi passi concordati dalla filiera”. Ma qualcuno non è d’accordo. Come la Compagnia dei vignaioli del Monferrato (una quindicina di aziende) che punta a ottenere la Docg per tutta la Barbera del Monferrato.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli