02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Prosecco doc, via a missione in Usa ... Incontri con buyer a New York e San Francisco... Valigie pronte per il Consorzio del Prosecco doc di Conegliano Valdobbiadene e per una trentina di produttori. Tra pochi giorni, infatti, inizia il terzo road show americano, che quest’anno sarà ancora più lungo e impegnativo dei precedenti. Gli incontri, infatti raddoppieranno. Oltre alla tradizionale missione a New York, per incontrare stampa e importatori della costa orientale, ci sarà una seconda tappa a san Francisco, dove, per la prima volta, il territorio trevigiano incontrerà buyer e stampa della West coast.
L’ampliamento della missione non è casuale: il mercato Usa ha infatti registrato forti acquisti di Prosecco doc di Conegliano Valdobbiadene, grazie sia all’impegno nel far conoscere il territorio e la qualità del prodotto, da parte del Consorzio, sia al lavoro dei produttori (il 35% già esporta in Usa), Ora gli Stati Uniti sono il terzo mercato per il Prosecco doc, dopo Germania e Svizzera (l’anno scorso ha assorbito oltre l’11% dell’export), ma ci sono ancora molti spazi di crescita. La prima data del tour americano sarà il 26 giugno al Cipriani di New York, sede ormai tradizionale, in cui l’offerta del Prosecco doc incontra la domanda - dei buyer e la stampa specializzata Usa.
Due giorni dopo, il 28, sarà la volta di San Francisco. «La nostra presenza sul mercato americano», spiega Giancarlo Vettorello, direttore del consorzio di tutela, «si è consolidata in questi ultimi anni, grazie anche agli incontri e ai tavoli di degustazione realizzati a New York; ora puntiamo anche sulla costa occidentale, che è pure, tradizionalmente, il primo produttore di vino americano; è quindi un territorio in cui la cultura del vino è radicata. A San Francisco replicheremo i banchi d’assaggio e incontreremo altri buyer, nella speranza di stringere nuovi accordi commerciali. Ma anche i produttori di Conegliano Valdobbiadene hanno un forte interesse, non solo a stringere nuovi accordi commerciali, ma anche a conoscere il territorio; non è quindi casuale che, nel corso della missione californiana, andremo a visitare alcune cantine della Napa valley, tra cui quella del regista Francis Ford Coppola, che produce 12 milioni di bottiglie all’anno”.
La missione americana avrà un costo di circa 250 mila euro, escluse le spese di viaggio e di soggiorno, a carico dei produttori ed è stata supportata dalla regione Veneto.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su