02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

I Settesoli di Sicilia ... Dal vino ricavi per 36 mln nel 2007. Obiettivo crescita per l’azienda vitivinicola di Menfi: +10%... È una crescita che poggia su solidi presupposti quella che Cascine Settesoli di Menfi (Ag) persegue nel mondo del vino in Italia e all’estero. L’azienda vitivinicola siciliana, che lavora 500 mila quintali di uva l’anno, conferita da 1.841 soci con 6 mila ha di vigne e che ha chiuso l’esercizio 2006-2007 con 36 milioni di euro di fatturato, ha preventivato di poter incrementare il suo business di un 10% l’anno nel prossimo futuro, forte di strutture produttive tecnologicamente all’avanguardia (tre impianti di vinificazione, due a Menfi e uno a Santa Margherita del Belice, e uno di imbottigliamento a Menfi) nelle quali ha investito 20 milioni di euro nell’ultimo decennio, mentre i soci conferitori attuavano un piano di rinnovo dei vigneti che ha toccato circa 4.200 ha, per una spesa complessiva stimabile in 65 milioni di euro.
“È nostra intenzione sviluppare contemporaneamente tutte le aree di business della cantina”, spiega a ItaliaOggi Salvatore Li Petri, direttore generale di Cantine Settesoli. “Quest’anno le vendite di vino sfuso dovrebbero generare 15-16 milioni di euro di ricavi, contro i 13 dello scorso esercizio, grazie a quotazioni più elevate, ma anche a una qualità migliore. Mentre quelle di vino confezionato dovrebbero generare 24,5-25 milioni di curo, dei quali il 40-45% realizzato in Italia e il resto all’estero”.
Quanto alle strategie commerciali, quest’anno Cantine Settesoli ha in programma di completare la copertura della gdo italiana (sta lavorando per l’inserimento in Esselunga e per diventare fornitore Coop a livello nazionale), canale al quale propone attualmente due linee di prodotti: Settesoli, brand che caratterizza vini Igt sia bianchi (Inzolia e Grecanico) che rossi (Nero d’Avola, Cabernet sauvignon, Merlot e Syrah) con un posizionamento di prezzo medio (fascia dei 3-4 euro) e Porta Palo, un bianco, un rosso e un rosato entry level.
“Nei prossimi mesi”, anticipa Li Petri, “contiamo però di lanciare in gdo una linea di vini premium, a marchio Inycon, che posizioneremo nella fascia di prezzo sopra i 5 euro e che comprenderà due o quattro refèrenze”. Sul fronte export, oltre a consolidare le vendite nei 35 mercati già presidiati (i più importanti sono Gran Bretagna, Svezia, Germania, Svizzera, Giappone, Stati Uniti e Canada), Cantine Settesoli lavorerà all’espansione nell’Europa dell’Est: Polonia, Ungheria, Romania, Lituania, e nei paesi emergenti.
“Già a fine 2007”, puntualizza Li Petri, “abbiamo inviato il primo container di vini Inycon in Cina e India, due mercati con grandi potenzialità. Stiamo inoltre avviando contatti per la distribuzione in Russia”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli