02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Primo, comunicare! ... Dall’Ue 16 mln per l’agroalimentare. Bruxelles sblocca risorse per cinque progetti promozionali... L’Italia riceverà 16 milioni di euro dall’Unione europea per l’informazione e la promozione nel comparto agroalimentare. Due giorni fa il ministero delle politiche agricole ha reso noto che il governo di Bruxelles ha approvato cinque progetti per garantire ai prodotti agroalimentari italiani un’adeguata informazione e un’attenta promozione nei paesi dell’Unione (si veda ItaliaOggi di ieri). Il risultato arriva dopo un notevole interessamento da parte del ministero, che ha cercato di cogliere tutte le opportunità esistenti, anche a livello internazionale, per valorizzare appieno il made in Italy di qualità e le specificità dei territori nazionali.
Con l’approvazione da parte della Commissione europea di cinque progetti italiani (sui sette presentati) di promozione e informazione dei prodotti agroalimentari nel mercato interno, da fonti ministeriali emerge a soddisfazione per la conferma da parte della Commissione europea della leadership italiana nel settore della promozione in Europa. I programmi approvati rivestono inoltre un’importanza strategica per la politica nazionale, in quanto coinvolgono settori che rappresentano le eccellenze del patrimonio agroalimentare italiano e mettono a disposizione della comunità uno strumento a difesa del made in Italy. Le risorse attivate equivalgono a circa 16 milioni di euro, 3 milioni di euro in più rispetto allo scorso anno. I programmi sono cofinanziati per il 50% dalla Commissione europea, per il 20% dallo stato italiano e per il 30% dall’organismo proponente. Nel complesso, la Commissione ha approvato 31 progetti per un totale di 92 milioni di euro e ne ha respinti 41. I progetti italiani approvati riguardano il vino, l’ortofrutta, i salumi, alcuni prodotti Dop e l’olio d’oliva. Ma vediamo quali sono, nel dettaglio, i cinque programmi:
- Nel settore ortofrutticolo, Oi - organizzazione interprofessionale - realizzerà una campagna di promozione di freschi e trasformati in Italia, Polonia, Regno Unito e Romania. Il programma, prevede una campagna pubblicitaria, partecipazione a fiere, azioni nei punti vendita e nella ristorazione collettiva e un progetto didattico nelle scuole.
- Unione italiana vini e istituto valorizzazione salumi italiani realizzeranno un programma congiunto di promozione del vino e dei salumi di qualità in Italia, Svezia e Finlandia.
- Un programma “multistato” proposto congiuntamente da Italia, Portogallo e Francia si occuperà della promozione in Gran Bretagna, con azioni dirette sui consumatori e sugli operatori commerciali, di un paniere composto da Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma, Vini di Borgogna e Vini Douro.
- Un programma, promosso dall’Unaprol, si occuperà della promozione dell’olio extravergine di oliva di qualità in Francia, Germania e Regno Unito, anche attraverso azioni dirette nei punti vendita e nei ristoranti.
- Il quinto programma, presentato dal Gruppo italiano vini, riguarda la promozione del consumo di vino di qualità in Germania, Regno Unito e Francia, attraverso azioni capillari di Comunicazione e informazione sugli operatori del settore (sommeliers) e i canali specializzati di distribuzione (enoteche, wine bar).

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su