02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Cenone all’italiana alla casa bianca ... Il neo presidente Obama festeggia con strangozzi e baccalà... Ai politici della sinistra piace tantissimo la gastronomia italiana. Massimo D’Alema a palazzo Chigi aveva reso pubblica la sua fama di gourmet, così come il tedesco Gerhard Schroeder, che amava pure la moda italiana. Pure il neo presidente americano Barack Obama, che in questi giorni sta trascorrendo alcuni giorni di relax con la famiglia, si farà apprezzare per la scelta di un menù tricolore, grazie allo chef italoamericano Tony Mantuano, proprietario del ristorante “La spiaggia”,
dove Obama andò a festeggiare la vittoria elettorale.
Si parla di strangozzi alla carbonara, ravioli di ricotta, baccalà alla vicentina e vini pregiati. Come assaggio per festeggiare il 2009, un piatto tipico veneto: risi e bisi. Quindi, bigoli con le sarde. E poi crostini di fegatini, affettati misti toscani, per chiudere alla fine del pasto con dolci secchi: cantucci con vin santo e sbrisolona da intingere nella grappa. Chissà se hanno mai raccontato a Obama che l’attuale segretario del Partito democratico, Walter Veltroni, autore di una prefazione al suo testo, non è rinomato per essere un gran gourmet.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli