02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Prevenzione a 360° ... Lotta alla peronospora, in tutta Italia. Strategie salva-vite al 4° convegno nazionale Gorwan Italia... L’antidoto alla peronospora è la prevenzione. Delle nuove soluzioni contro la dannosa malattia crittogamica (plasmopara viticola) si è parlato a Cervia durante il 4° Convegno nazionale organizzato da Gowan Italia, azienda agrofarmaceutica che ha chiamato a raccolta gli esperti del settore sul tema della prevenzione dei danni del parassita. Un dato certo. Il 2008 è stato l’anno nero della peronospora. Ciò a causa delle condizioni climatiche della scorsa primavera che hanno favorito la diffusione omogenea sul territorio nazionale. Danni per fortuna limitati, visto anche l’incremento produttivo della vendemmia 2008 rispetto al 2007, ma il lavoro di prevenzione ha succhiato risorse e lavoro. “In Trentino”, ha spiegato a ItaliaOggi Maurizio Bottura, dell’Istituto Sperimentale di San Michele all’Adige, “la situazione è stata critica, viste le particolari condizioni climatiche del trimestre aprile giugno. Per chi ha sbagliato le contromisure, le conseguenze sono state fino al 50% di calo produttivo, ma per fortuna la conoscenza di questa malattia nelle aree vitivinicole del nord e l’utilizzo tempestivo di strumenti quali le informazioni meteo e le moderne conoscenze agronomiche, hanno fatto si che le aziende penalizzate siano delle eccezioni nel panorama regionale”. Sulla stessa linea, Gian Paolo Sancassani, del servizio fitosanitario veneto: “in regione siamo abituati a convivere con la peronospora, anche se il 2008 è stato l’anno peggiore che si ricordi dagli anni 70. A differenza degli anni precedenti la diffusione è stata più omogenea, ma gli interventi tempestivi hanno permesso di limitare i danni”. Scendendo verso il centro Italia significativo il caso dell’Abruzzo, dove circa il 70% delle aziende è stato interessato dalla malattia, seppur con diffusione e intensità di attacco diversi. Una patologia in crescita secondo i dati snocciolati da Domenico D’Ascenzo, del servizio fitosanitario abruzzese, secondo il quale: “occorre gestire la difesa fitosanitaria individuando l’inizio del rischio infettivo per posizionare al meglio il primo intervento fitosanitario, decisivo per il buon esito dell’intera campagna di difesa. Per questo, di grande aiuto possono risultare i modelli previsionali, le previsioni meteorologiche a medio termine, oggi sempre pi affidabili, e le più approfondite conoscenze sulla biologia ed epidemiologia del patogeno”. Tra le novità nella lotta alla peronospora, Gowan Italia ha presentato due nuovi prodotti: Electis MZ e Electis R, a base di Zoxamide, sostanza attiva contro i funghi patogeni della famiglia delle Peronosporacee.

“La Zoxamide”, ha spiegato Alessandro Arbizzani, Technical advisor di Gowan Italia, “non ha effetti indesiderati sulla fermentazione dei mosti, in quanto non si manifestano effetti negativi sulla crescita di Saccharomyces, inoltre, presenta una forte affinità con le cere vegetali presenti su foglie, grappoli della vite e bacche (pomodoro). Infatti, dopo il trattamento, la sostanza attiva penetra rapidamente nelle cere a 1-2 ore dall’applicazione”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli