02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

L’Orcia Doc più autoctono ... In tempi di internazionalizzazione del gusto,una piccola Doc della Toscana sceglie di andare controtendenza. Così la Orcia Doc, 33 produttori per 400 ettari in un territorio di 13 Comuni nella parte sud della provincia di Siena, con le colline tutelate dall’Unesco, ha deciso di modificare il disciplinare che oggi prevede il 60% di Sangiovese e il resto vitigni internazionali.”La modifica al disciplinare arriva su richiesta dei produttori che vogliono vinificare con Sangiovese in purezza”,dice Donatella Vannetti presidente del Consorzio Vino Orcia.

“Mentre per l’Orcia rosso il disciplinare rimarrà quello di sempre, sarà introdotto un 0rcia Sangiovese che prevede di arrivare al 90% di Sangiovese e il resto solo vitigni autoctoni. Ci sarà anche la Riserva con un invecchiamento di 24 mesi, 18 dei quali in legno”.L’annuncio è stato dato durante la presentazione dei nuovi vini della cantina Viticoltori Senesi Aretini di Sinalunga (Si). E nella nuova produzione c’è anche un Orcia rosso doc.”E’ la prima volta che una cantina sociale produce un Orcia doc”, ha spiegato il presidente e amministratore Angiolo Del Dottore. “E’ una piccola produzione di circa 800 quintali nel 2008, abbiamo dato il via ad un progetto di svecchiamento della struttura con un investimento di 850 mila euro. Vogliamo puntare sulla qualità e soprattutto vogliamo investire sull’imbottigliamento. Fino ad oggi la cantina ha venduto prevalentemente sfusa tutta quanta la produzione, circa il 95%, e di questo l’80% direttamente in azienda. Adesso l’idea è di mettere in piedi una rete commerciale e arrivare alla Gdo anche se abbiamo aperto punti vendita in alcune città della Toscana tra cui Firenze”.

Per puntare al mercato cantina Viticoltori Senesi Aretini ha investito anche sulle persone, in particolare su una giovane enologa, Mary Ferrara. Nata nel 1971,la cooperativa conta circa 250 soci conducono circa 240 ettari di vigneti. Nel 2008 ha registrato un fatturato di 2 milioni di euro mentre nel 2007 era stato 1,8 milioni.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli