02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Tutti i numeri del Prosecco, con un piede in Piemonte... ... Semaforo verde per il futuro per le aziende piemontesi che vinificano i mosti e/o imbottigliano il Prosecco purchà esercitino già questo diritto almeno da 5 anni Queste le conclusioni cui è giunta l’audizione svoltosi a Oderzo, nel trevigiano, indetta per varare il nuovo disciplinare della dcc Prosecco. I produttori del triveneto hanno riconosciuto i diritti acquisiti dai colleghi piemontesi - tra cui “Concia” e Riccadonna” e “Cinzano” - stabilendo, tuttavia, che d’ora innanzi l’elaborazione delle “bollicine” non sarà più passibile al di fuori dell’area di produzione. Il Piemonte imbottiglia il 25% dell’intera produzione che corrisponde a circa 20 milioni di bottiglie. Le aziende temevano di perdere il diritto acquisito anche se dal Veneto già erano arrivate ampie assicurazioni in merito. Ora il problema è superato visto che il Comitato Vitivinicolo nazionale ha approvato in questi giorni la nuova doc del Triveneto mentre per l’estate è attesa la docg per le “bollicine” prodotte nella zona di Conegliano Valdobbiadene.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli