02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Il poker sportivo da ieri fuorilegge. Stop agli alcolici dagli ambulanti... Da ieri sono fuori legge i poker sportivi organizzati nei locali che d’ora in poi potranno essere autorizzati solo dopo l’emanazione di un regolamento. E’ entrata a regime anche la nuova discussa limitazione sugli alcolici che non si applicherà però immediatamente a tutte le sagre paesane o alle feste di partito ma solo agli esercenti ambulanti ed ai distributori automatici. Lo ha chiarito la Federazione italiana pubblici esercizi con le circolari n, 47 e 50 del 23 e 27 luglio 2009. La legge comunitaria 2008, n. 88/2009, è stata pubblicata sulla GU n. 161 del 14 luglio scorso ed è entrata in vigore il 29 luglio. Per agevolare gli esercenti dei pubblici esercizi la Fipe ha emanato le attese istruzioni operative. ... ...In materia di bevande alcoliche, prosegue la prima circolare, la legge n. 88/2009 ha introdotto all’art. 23 confuse misure restrittive finalizzate a precisare che “la somministrazione di alcolici ed il loro consumo sul posto può essere effettuata esclusivamente nei pubblici esercizi e non in altri luoghi”. Nel corso dei lavori parlamentari, prosegue la Fipe, veniva però approvato un emendamento che potrebbe far presumere che tale regola, peraltro già esistente nel nostro ordinamento, valga esclusivamente dalla ore 24 alle ore 7 del giorno
successivo. In pratica il quadro normativo risulta confuso e ulteriormente reso complesso dal secondo comma dello stesso articolo che ribadisce il divieto di vendita e di somministrazione di alcolici su area pubblica inasprendone le sanzioni per inosservanza in orario notturno. E’ da tener presente, specifica però la nota, “che il divieto non si applica a tutte quelle attività per il cui esercizio viene rilasciata una licenza di somministrazione e pertanto le autorizzazioni temporanee previste dalle leggi regionali sulla somministrazione continuano a consentire la somministrazione di bevande alcoliche nel corso di feste, sagre ed altre riunioni straordinarie di paese”. Per specificare meglio queste nuove restrizioni che hanno allarmato molto gli organizzatori di fiere, feste e mercatini locali, l’associazione romana ha quindi diramato l’ulteriore nota del 27 luglio. La norma che vieta la somministrazione di alcol in orario notturno, specifica la Fipe, “si inquadra nel più generale divieto sancito dall’articolo 87 del tulps di vendere e somministrare tali prodotti in forma ambulante”, In pratica si è voluta disincentivare la vendita di alcolici nei chioschi e negli altri sistemi attivi per esempio fuori dai locali pubblici nei quali invece vige lo stop alcolico alle 2 di notte. Ma non certo vietare la somministrazione di un bicchiere di vino in concomitanza con la sagra comunale del pesce azzurro. In buona sostanza, conclude la Fipe, nelle sagre e feste di piazza regolarmente autorizzate sarà possibile continuare a somministrare e vendere alcolici, salvo limitazioni sindacali particolari. La stessa facoltà continuerà ad essere garantita ai chioschi in sede fissa ed agli stabilimenti balneari autorizzati. Il divieto scatterà invece inflessibile per camion bar, esercenti ambulanti e distributori automatici.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli