02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Minori e conducenti professionali, alcol zero più leggero ... Alcol zero, debutto soft. In caso di controllo il conducente potrà effettuare tre prove all’etilometro anziché due, per maggiore garanzia. Il minore pizzicato leggermente alterato alla guida del veicolo a due ruote, sarà costretto a ritardare il conseguimento della patente B fino a tre anni ma sarà affrancato dalla sospensione o revoca del patentino. E inoltre, per un buco normativo, il camionista che rifiuta l’etilometro non subirà più la decurtazione di dieci punti dalla patente, come accade oggi. Per accertare la guida alterata dalla droga alla polizia stradale basterà attendere i riscontri analitici degli esami di laboratorio. Sono queste le novità più importanti delle istruzioni emanate dal ministero dell’interno ieri, 30 luglio, con la nota n. 300/a/10777/10/101/3/3/9, sulla legge 120/2010, in vigore definitivamente dal 13 agosto prossimo, che modifica il codice della strada introducendo ritocchi immediatamente operativi in materia di guida alterata, ciclomotori e minicar. Per agevolare l’attività di polizia alle prese con l’esodo estivo, l’organo di coordinamento nazionale dei servizi di polizia stradale ha diramato le prime indicazioni operative. Innanzitutto i passeggeri delle minicar che ne sono dotate dovranno sempre utilizzare le cinture di sicurezza, specifica la nota. Con riferimento al controllo del nuovo articolo 186-bis del codice stradale, specificamente dedicato al nuovo limite denominato alcol zero per conducenti giovani, neopatentati e professionisti, il ministero evidenzia che in attesa di strumenti precursori in grado di rilevare anche tassi alcolici inferiori a 0,5 g/l, dovranno essere impiegati i normali etilometri in dotazione ai comandi per i controlli stradali di routine. Sarà però necessario effettuare almeno tre controlli, al posto dei canonici due. Questo probabilmente per contrastare le facili polemiche che nasceranno per mancanza di una soglia di tolleranza in materia di alcol zero. Novità per i soggetti a rischio denominati alcol zero. Diversamente da quanto previsto per tutti gli altri conducenti che rifiutino l’accertamento, qualora la confisca del veicolo non possa essere applicata, scatterà il raddoppio della sospensione della patente. Della serie o la macchina o la licenza. Per un buco normativo in questa ipotesi però non scatterà anche la decurtazione di 10 punti patente. Affrancati i conducenti minorenni dalle sanzioni amministrative anche se derivanti dalla nuova stretta alcol zero. Per queste misure risponderanno direttamente genitori o tutore, ma non certo per l’eventuale decurtazione di punteggio. Resta però sempre possibile, prosegue la nota, posticipare il rilascio della patente di guida a questi soggetti trattandosi di una misura interdittiva specificamente introdotta dalla riforma. Novità in materia di sequestro finalizzato alla nuova confisca amministrativa del veicolo utilizzato per la guida alterata. Il mezzo non potrà mai essere affidato al trasgressore ma solo alle rimesse autorizzate. Regole più semplici, infine, per il controllo della guida drogata. In attesa dei nuovi precursori per l’analisi della saliva in strada basterà l’esame sanitario dei liquidi biologici per accertare l’abuso, senza più visita medica di corredo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli