02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Enoteca Brasile. Il vino va in tour ... La promozione toscana va Sud America … Dopo la Cina, il Brasile. Il processo di contaminazione dei vini italiani con le varie cucine portato avanti dall’Enoteca Italiana arriva in America del Sud. “La Toscana in Brasile” è il nome del progetto itinerante nelle maggiori città brasiliane che ha visto la partecipazione di aziende socie del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, del Consorzio del Morellino di Scansano e altre aziende toscane aderenti alla Cia. Per il presidente dell’Enoteca, Claudio Galletti si è trattato di “un lavoro importante con un grande interesse per le nostre doc. Più di 40 etichette di 15 aziende sono state protagoniste di incontri con operatori e giornalisti di settore e con i responsabili food and beverage dei maggiori ristoranti”. Con un mercato di oltre 190 milioni di possibili consumatori, il Brasile è in prospettiva una realtà di sicuro interesse per i produttori italiani. Nel 2010 i vini made in Italy si sono piazzati al quarto posto delle importazioni con il 13% del valore dietro a Cile, Argentina e Francia (14%). Un dato che, se tuttavia espresso in litri, vede le importazioni italiane notevolmente superiori a quelle dalla Francia. Cresciute in maniera costante dal 2005, nel 2010 le esportazioni italiane hanno superato quota 10 milioni di litri. Complessivamente, lo scorso anno, l’import di vino del Brasile è stato pari a 195 milioni di euro, equivalenti a 71 milioni di litri. E la tendenza per il 2011 è di un aumento costante.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli