02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Natale 2012 al ristorante, ma non c’era nessun altro ... Chissà quanti italiani, tre giorni fa, si sono svegliati di pessimo umore e hanno recitato (magari con parole diverse, ma è il senso quello che conta) le battute del capofamiglia Luca, nel primo atto di Natale in casa Cupiello (uno dei capolavori di Eduardo De Filippo, scritto un’ottantina di anni fa): “Ci siamo: è Natale... Brrt Che bella schifezza!”. Perché, dando fede alle stime immediatamente diffuse dalla Coldiretti, dalla Federconsumatori e dal Codacons, la povertà si è fatta sentire quest’anno, come nella casa di Luca Cupiello. I consumi si sono ridotti mediamente del 14%, e hanno colpito più o meno tutti i settori nei quali le festività rappresentano una manna per i negozianti. Persino i giocattoli hanno subito una contrazione del 3%, e molti genitori (preoccupati per le reazioni dei più piccini) avranno scaricato la responsabilità su quello spilorcio di Babbo Natale. L’abbigliamento e le calzature hanno segnato un calo del 16%. Il Codacons ha diffuso una nota nella quale afferma che “chi sperava in una impennata delle vendite grazie agli acquisti dell’ultim’ora è rimasto deluso. Le famiglie hanno fortemente tirato la cinghia, inducendo il numero di regali e la loro entità, e tagliando anche sulle spese per la casa, sempre più spesso riciclando gli addobbi degli scorsi anni”. Gli unici esercizi commerciali che hanno registrato un più 10% nelle vendite sono stati gli alimentari. Ma l’unica spiegazione che si può trarre da questa controtendenza è che (per risparmiare) un gran numero di italiani ha rinunciato al cenone o al pranzone al ristorante. Meglio raccogliersi dentro casa. Io, che non ho rinunciato al cenone, in trattoria, sono nel mio piccolo testimone della tendenza. Il mio tavolo (quattro coperti con moglie e due figli) era l’unico in una sala in grado di contenere trenta o quaranta tavoli. E il proprietario (che ha sicuramente chiuso in perdita la serata) scuoteva la testa, per raccontarci le disdette dell’ultima ora. Se l’avesse saputo prima, non avrebbe sicuramente tenuto aperto il locale. Insomma: un Natale da tempo di guerra. E questo (se gli italiani ne conservassero la memoria, in genere scarsa) non gioverebbe elettoralmente al governo dei tecnici, colpevoli agli occhi della pubblica opinione di questo rigurgito di miseria generalizzata.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli