02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Cina in vino veritas ... Patto antipirateria con Pechino ... Aumentare gli sforzi nella condivisione delle informazioni sulla contraffazione del vino, identificando le pratiche illegali più diffuse e le azioni concrete per contrastarle sono i tre elementi principali della lettera di intenti firmata a Pechino dal commissario Ue all’agricoltura Dacian Ciolos e dal ministro cinese per la supervisione della qualità Zhi Shuping. Nel documento, Cina e Ue riconoscono l’importanza crescente degli scambi bilaterali di bevande alcoliche e della “identificazione” d’origine. Ciolos ha definito l’intesa come un “passo avanti nella cooperazione Ue-Cina e nella lotta alla contraffazione, di cui beneficeranno non solo i produttori ma anche i consumatori”. Nessun riferimento da parte di funzionari Ue a eventuali sviluppi dell’indagine antidumping e antisussidio avviata dalle autorità della Repubblica popolare a inizio luglio sulle importazioni di vino europeo. “La lettera di intenti sulla contraffazione è stata discussa per oltre un anno con le autorità cinesi perché di comune interesse”, spiegano da Bruxelles, “nell’ambito del gruppo di lavoro sulle bevande alcoliche. Non c’è nessun legame tra il documento sulla contraffazione e l’investigazione antidumping”. Ulteriore, implicita, conferma che l’iniziativa di Pechino sul vino europeo non ha a che vedere con tematiche agricole ma è una rappresaglia nella battaglia commerciale aperta dall’Ue con l’imposizione di dazi provvisori alle importazioni di pannelli solari dalla Cina. Da oltre tre settimane emissari europei a Pechino cercano una “soluzione amichevole” al caso dei pannelli. Intanto le imprese esportatrici di vino italiane stanno collaborando all’indagine. Il ministero delle politiche agricole italiano rende noto che oltre 1.200 aziende esportatrici su 1.500 hanno compilato le schede proposte dall’autorità cinese in questa prima fase dell’indagine. Come già accaduto per le società cinesi coinvolto nell’investigazione europea sui pannelli solari, infatti, in caso di sanzioni l’applicazione di dazi sarà inferiore per le imprese che collaborano.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli