02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Vivo, grazie alla fusione: fatturato a 60 mln € ... Fatturato cresciuto del 20% in poco più di un anno. La fusione tra la Cantina di Campodipietra e le Cantine produttori riuniti del Veneto orientale per dare vita a Vivo, Cantine viticoltori Veneto orientale, ha prodotto risultati oltre le aspettative.
“Siamo arrivati a un fatturato del gruppo di 60 milioni di euro”, commenta il presidente Corrado Giacemini. “Grazie alla fusione produciamo 500 mila quintali di uva e 350 mila ettolitri di vino. Con questi numeri oggi possiamo avere un peso sul mercato che altrimenti non avremmo avuto. La forza finanziaria dell’azienda deriva anche dalla gamma dei vini e ha riflessi positivi su quanto viene liquidato ai soci”. Vivo, che conta L500 soci e 2.200 ettari di vigneto, detiene al 100% anche una società di imbottigliamento. “L’azienda assorbe il 25% della nostra produzione e l’80% di quello che viene da lei imbottigliato finisce all’estero. Inoltre grandi produttori di Prosecco Doc con un impianto di spumantizzazione da 16 mila ettolitri”, continua Giacomini. Numeri che raccontano come la crescita dimensionale sia un passaggio importante. “E un percorso che abbiamo iniziato da anni e che tutte le cooperative devono fare”. Il gruppo veneto, che aderisce a Fedagri Confcooperative, basa il proprio mercato sull’estero ma anche in Italia. “Vendiamo molto in Italia, sia imbottigliato, sia sfuso ai grandi imbottigliatori. Ma non vendiamo un vino di massa, ma un prodotto qualificato, già raffinato per l’imbottigliamento. Sull’estero lavoriamo molto per la gdo, che sono nostri grandi clienti. Forniamo le grandi catene come Aldi con prodotti sia a marchio nostro sia come private label. Anche in Italia abbiamo un offerta di private label con etichette dedicate per la distribuzione organizzata, ma anche marchi nostri come Terre Marciane o Campodipietra”. “Abbiamo un’offerta diversificata in quanto questo ci consente di avere flussi di cassa equilibrati, entrate sicure per poter pagare i soci. Perché, non dobbiamo dimenticare, che la mission di una coop è pagare i propri soci e noi lo facciamo con acconti durante anno”. Il territorio coperto dai soci di Vivo va dalle propaggini del Friuli alle terre a cavallo delle province di Treviso e Venezia, una zona caratterizzata dalla produzione di vini bianchi e spumanti. La Cantina produttori riuniti del Veneto orientale era il frutto della fusione già di altre sui cooperative.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli