02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

La collina e la pianura della Valpolicella alla disfida dell’Amarone ... Amarone soltanto in collina o anche in pianura, secondo tradizione o più attuale. La regione Veneto ha chiesto al Consorzio di riaprire il dialogo con i contrari, le Famiglie dell’Amarone d’Arte, ad alcune del disciplinare che prevedono la possibilità di allargare la zona di produzione. Dunque si la questione con un secondo round per la produzione del simbolo della Valpolicella che quest’anno entra in commercio come Docg. “La modifica più importante riguarda il comma 2 dell’articolo 4. La zona di produzione migliore per l’Amarone è la collina, che è la più vocata, e lasciamo la pianura ad altri vini, altrettanto buoni e interessanti”, commenta Stefania Tedeschi vice-presidente della Famiglie dell’Amarone d’Arte. Sulle modifiche al disciplinare le Famiglie hanno presentato ricorso alla Regione. In particolare la modifica del comma 2 dell’articolo 4 relativa all’ampliamento della zona di produzione anche in terreni di pianura o di fondovalle “costituisce di fatto un aumento del 30% della superficie idonea per la produzione di Amarone” e l’ampliamento “balza agli occhi per la sua anacronisticità e per la sua contrarietà a una prassi storicamente acquisita sia a livello nazionale che di eccellenza europea”, si legge nel ricorso. Ma per il Consorzio di Tutela si tratta soltanto di modifiche tecniche che non andranno a incidere su produzione, qualità e tradizione. “È da 30 che si produce Amarone anche in pianura. Non c’è alcuna novità rispetto a quanto giù accade. La Valpolicella è tutta quanta vocata e si produce sia in pianura sia in collina. La vera differenza la fanno le rese per ettaro che per l’Amarone sono più basse che per altre Docg”, commenta Christian Marchesini, presidente del Consorzio. “Con le modifiche previste non aumenterà la superficie vitata rispetto agli attuali 7.200 ettari e non è previsto alcun aumento di produzione che si è stabilizzata attorno ai 13,4 milioni di bottiglie”. Le vigne delle circa 1.500 aziende della Valpolicella si trovano tra i 100 e i 400 metri sul livello del mare.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli