02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Meno burocrazia in dogana per i vini della Valpolicella ... Minor burocrazia per Amarone, Recioto e Ripasso. Un protocollo di intesa per snellire le procedure doganali e fiscali è stato firmato tra l’Agenzia delle Dogane e il Consorzio della Valpolicella L’obiettivo è snellire le procedure, favorire l’adempimento consapevole e spontaneo degli obblighi fiscali e sensibilizzare tutti i soggetti interessati sull’importanza delle dogane e della politica doganale. Allo stesso tempo come spiega il Consorzio, il protocollo vuole riaffermare un forte richiamo all’etica, nel rigoroso rispetto dei principi di legalità, trasparenza e imparzialità. Le aziende, da parte loro, se ne avvantaggeranno in termini di maggiore competitività sui mercati internazionali. Inoltre il rapporto di collaborazione con l’Agenzia agevolerà un dialogo per individuare le più corrette interpretazioni normative e limiterà di conseguenza disagi operativi, contestazioni e contenziosi tra l’amministrazione pubblico e le imprese. Il protocollo prevede eventi formativi e informativi, aggiornamenti rivolti alle aziende. Il Consorzio Valpolicella, inoltre, raccoglie esigenze, criticità e difficoltà operative incontrate dalle aziende e le trasmetterà all’Agenzia. In termini di export dei vini Valpolicella, la maggior parte è del 64%, riguarda paesi europei (Germania e Nord Europa) seguiti da Usa e Canada (33%) e infine Asia (Russia e Cina), Africa e Oceania, con percentuali basse (2%). Le denominazioni esportate per ordine dì importanza sono il Valpolicella Classico, il Ripasso e l’Amarone, mentre per il Recioto i quantitativi sono molto più limitati.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli