02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Cantina Tollo non ne lascia una. Percorre (e bene) le strade dei vitigni storici e autoctoni bio ... Crescono i vini biologici
ma anche le linee storiche di cantina Tollo. L’azienda abruzzese ha
registrato un +8,7% di fatturato nel quadrimestre settembre
- 2014 rispetto all’anno precedente. Positivi anche i dati sul numero delle bottiglie commercializzato, +9,1%, e sui litri venduti, +8,2%. In particolare, è boom di vendite per il Pecorino, uno dei vitigni storici abruzzesi, tra i bianchi sempre più apprezzati in tutta Italia, che nel quadrimestre ha segnato un incremento del fatturato di oltre il 35%. “Si evidenzia un interesse del mercato”, commenta il presidente di cantina Tollo, Tonino Verna. “Lavoriamo sui principali vitigni, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano, ma abbiamo avviato anche un percorso di produttivo di miglioramento degli autoctoni. In particolare di Pecorino, Passerina e Cocciola”. I vini biologici autoctoni sono arrivati a interessare 237 ettari di vigneti, quasi il 10% dell’intera superficie di 3 mila ettari di vigna. Il nuovo anno si caratterizza poi per un’altra novità, l’ingresso di un nuovo socio nell’assetto aziendale, “che con i suoi 250 ettari di vigneto, tutti in territorio abruzzese, tutto Doc, consentirà all’azienda di migliorare ulteriormente la selezione delle uve, incrementare il mix delle varietà prodotte e accrescere la produzione di vini con particolare riferimento all’alta gamma”. Per Verna “il 2015 sarà un anno importante per le sfide dei mercati e noi ci attrezziamo. Abbiamo fatto investimenti, in risorse umane in tecnologia per recepire i gusti del consumatore. Abbiamo effettuato uno studio per capire il trend della fascia che a noi interessa, quella del ceto medio”. L’esportazione rappresenta il 35% del fatturato della Cantina, che si affaccia
anche su nuovi mercati emergenti come la Russia, l’India e la Cina. “Siamo presenti in molto paesi, vogliamo crescere negli Usa e penetrare sul mercato cinese. Anche se la Cina è a doppia faccia, devi scegliere se andare per fare i volumi con il prezzo, o se vuoi piccoli volumi ma con un prezzo più alto. Tollo per adesso gioca su i due fronti per analizzare le risposte e poi decidere il da farsi. Devo dire che la Cina è ancora una incognita per noi”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli