02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

In Germania preferiscono il vino ... Sono il 57% e amano, in particolare, quello italiano ... a crisi della Grecia ha scatenato per l’ennesima volta i pregiudizi contro gli “odiosi tedeschi”, con il vizio di voler dominare il mondo, ieri con i panzer di Adolf, oggi con l’euro di Angela. Inutile combattere contro i luoghi comuni, negativi o positivi. Sono per sempre. L’italiano tipico in Germania è il napoletano che canta “O sole mio”, e allo stesso tempo ingurgita spaghetti al pomodoro, e dà fastidio alle donne. Colpa anche di un nostro ex premier che ha confermato i pregiudizi. Per gli italiani, il typisch deutsch è in realtà un bavarese che saltella in Lederhosen, i calzoncini di cuoio, mentre svuota botti di birra.
Buoni o cattivi, non voglio fare l’avvocato difensore, i tedeschi e la Germania sono diversi dall’immagine che se ne ha all’estero. A volte, a leggere, gli articoli dei miei colleghi (non solo italiani) mi sembra di vivere in un paese che non esiste. Per rispondere alle accuse, in modo estivo e dunque leggero, ieri Die Welt ha pubblicato i risultati di una lunga inchiesta sul tema “so ticken die Deutschen wirklich”, all’incirca come siamo realmente. Il 71% dei pedoni tedeschi passa con il rosso. Vent’anni fa sarebbe stato un peccato mortale. Duri e razionali? L’82% ama le coccole, e il 46% è convinto che esistano persone con poteri sovrannaturali. Diciamo come Frau Merkel. Prevengo la prima obiezione. Quando c’è da fidarsi di questi sondaggi? Di solito poco, ma i tedeschi li amano, ne fanno di continuo e su tutto. Tanto per cedere a un luogo comune, li disturba essere considerati degli originali anche se nell’intimo sognano di essere individualisti come noi. Pensare come la maggioranza li rassicura, quindi sono costretti a rispondere ai questionnri con sincerità. Senza dimenticare che sono convinti
sia un dovere dire sempre la verità, cqme ammonisce il loro Lutero, a costo di passare per arroganti e maleducati. Noi siamo diplomatici, e loro ci considerano inaffidabili e machiavellici.
Secondo una - vecchia - battuta, se si incontrano tre tedeschi la prima loro preoccupazione è di fondare un club o un’associazione, per andare a ballare, o giocare a Canasta. Ebbene, non è più vero. La stragrande maggioranza ama far da sé, o al massimo sopporta la compagnia di un amico o di un’amica. I tedeschi sono freddi e al massimo si stringono la mano? Otto su dieci, soprattutto le donne, ora si salutano “all’italiana” scambiandosi bacetti sulle guance.
Il sondaggio condotto dall’istituto “YouGov”, di 192 pagine accompagnato da
555 tabelle, secondo la Welt, distrugge l’immagine di “organisierten Pedantenx, inutile tradurre. Intanto, ogni tedesco ha una sua opinione su tutto, su Dio, lo Stato, l’Europa, l’euro. Pochi rispondono di non sapere. La birra? Il 57% preferisce bere vino, possibilmente italiano, costa meno del francese ed è meglio. Danke.
“Die Deutschen werden sudlànder”, conclude il sondaggio, i tedeschi diventano meridionali. Cioè come gli italiani. Storia vecchia. Roland Berger, esperto nel consigliare imprenditori e politici, ha un sogno: “Che i tedeschi abbiano una seconda anima, un’anima italiana... mi ha sempre colpito la magica arte degli italiani di affrontare la vita”. “Der Italiener in una”, l’italiano in noi, scrisse già nel 2003 Christian Bauschke, in prima pagina sulla Welt am Sonntag: “Gli italiani non ci amano?.., non importa, tutto ciò che è italiano ci fa bene, l’amore non corrisposto sprigiona una forza particolare”. “L’Allemagne s’italianise”, ammonì Le Monde. Per i francesi, una catastrofe. Loro lo presero per un complimento. Ma l’articolo profetico uscì nel lontano novembre del 1997. I tedeschi sono cambiati ma noi ci ostiniamo a non vederlo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli