02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
GRANDI TERRITORI

La Franciacorta nel futuro con un progetto unico in Italia di neuroscienza e real-life experience

L’arrivo tra i vigneti di Biosphera 2.0, dà lo spunto al Consorzio per studiare le emozioni dei wine lovers con la start-up Thimus e la Mini

Un tester, con indosso dispositivi ad alta tecnologia in grado di misurare i suoi stati emotivi e cognitivi, da un elettroencefalogramma graduato medico (Eeg), afli occhiali eye-tracking di ultima generazione e un Gsr per la misurazione della galvanic skin response, che attraversa i vigneti di uno dei territori del vino italiano più affascinanti e prestigiosi provando le emozioni di una guida elettrica a bordo della Mini Cooper S E ALL4, la prima vettura ibrida del brand britannico, per poi concedersi una visita nelle cantine più rappresentativi del Metodo Classico, e, alla fine del viaggio, una degustazione delle celebri bollicine nella Biosphera 2.0, modulo abitativo itinerante sostenibile e all’avanguardia, primo edificio al mondo certificato al tempo stesso Casa Clima Gold, Passivhaus e Minergie-P, gli standard più rigorosi legati a consumi energetici e benessere degli abitanti. A misurare le sue emozioni, è Thimus, start-up italiana leader nel settore delle neuroscienze capace di raccogliere dati sugli stati emotivi e cognitivi degli esseri umani impegnati in attività della vita reale, in un progetto unico in Italia tra scienza e real-life experience promosso dal Consorzio del Franciacorta, con Biosphera 2.0 e Mini, e che lancia il territorio nel futuro. Grazie all’analisi di aspetti che normalmente sfuggono a ogni tipo di test tradizionale, infatti, al termine del progetto sarà prodotto un report per tutte le cantine con indicazioni strategiche su come strutturare le visite per massimizzare la percezione della qualità del prodotto e valorizzare l’esperienza gustativa attraverso lo storytelling, predisponendo positivamente il visitatore all’assaggio dei vini.
A dare lo spunto al Consorzio per il lancio di un vero e proprio hub di ricerca, è l’arrivo, da oggi, tra i vigneti della Franciacorta della Biosphera 2.0, dopo un tour di 24 mesi e due anni di ricerche condotte in varie città per testare le reazioni e gli equilibri della casa (dai -20° C di Courmayeur ai +40° C di Riccione), costruita da Aktivhaus in collaborazione con il Politecnico di Torino, l’Università di Torino e l’Università della Valle D’Aosta - vincitrice dell’Energy Globe Award 2018 - Italia, uno dei premi sulla sostenibilità più ambiti al mondo - per un progetto di monitoraggio ambientale e fisiologico dell’esperienza abitativa. Provvisto di tutti i servizi per vivere, è un edificio attivo: in grado cioè di produrre più energia di quella che necessita per mantenere in modo autonomo gli standard ideali ai parametri vitali umani anche in condizioni climatiche ed ambientali estreme.
Thimus realizzerà due ricerche scientifiche, una, in partnership con Franciacorta, sul racconto del territorio e della tradizione vitivinicola e l’altra in partnership con Mini, il Mini Emotional Landscape Experiment, legata all’emozione degli stili di guida sostenibili. Entrambi sono progetti unici nel loro genere, perchè volti ad analizzare scientificamente quei fattori esperienziali che stimolano il cervello umano nelle cosiddette real-life experience.
I tester in entrambi gli ambiti di sperimentazione indosseranno strumenti di derivazione clinica che permettono una misurazione precisa degli stati emotivi e cognitivi associati alle sfumature di un lifestyle orientato alla sostenibilità. Il Mini Emotional Landscape Experiment è il primo esperimento europeo che utilizza la biometria e le neuroscienze applicate per testare la mobilità di nuova generazione, attenta all’ambiente e all’individuo, durante l’effettivo test drive alla guida di una Mini Cooper S E ALL4 in paesaggi di particolare fascino, quali la Franciacorta, coniugando sensibilità per la guida elettrica con stili di vita sostenibili e amore per la natura.
I test legati al mondo Franciacorta seguiranno un filo logico non dissimile. Attraverso la raccolta di dati neurologici e biometrici sui visitatori di cinque cantine selezionate per la loro rappresentatività del territorio, Thimus potrà analizzare quali emozioni e processi cognitivi caratterizzano oggi l’esperienza Franciacorta. Lo scopo del progetto sarà quello di valutare come varia l’attività cerebrale in fase di degustazione dei vini Franciacorta, mettendo a confronto i risultati ottenuti durante la visita in cantina e con l’aiuto della guida, con l’analisi sensoriale e neurologica delle degustazioni svolte in un contesto neutrale come Biosphera. La mole di dati raccolta dai differenti dispositivi costituirà, nella successiva e cruciale fase di rielaborazione, la matrice per comprendere aspetti che normalmente sfuggono a ogni tipo di test tradizionale: il grado di comfort e di coinvolgimento, il carico cognitivo associato alle esperienze e il reale stato emotivo durante i test. Si tratta di elementi che orientano le preferenze e influenzano le scelte di ognuno di noi, spesso senza che la persona ne sia pienamente cosciente.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli