02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SOLIDARIETÀ

La griffe di Washington Quilceda Creek con la “World Central Kitchen” per l’Ucraina

L’azienda della famiglia Golitzin ha raccolto più di 305.000 dollari per sostenere l’associazione di José Andrées e sfamare i rifugiati ucraini

Di fronte ad ogni tragedia, in qualsiasi angolo del mondo accada, la “World Central Kitchen”,l’associazione no-profit fondata dallo chef spagnolo José Andrés, sa farsi trovare pronta, facendo ciò per cui è nata: sfamare chi ne ha bisogno. Una vocazione iniziata nel 2010, come risposta al devastante terremoto che colpì Haiti, e da allora ovunque ce ne sia bisogna i volontari della “World Central Kitchen” riescono a garantire milioni e milioni di pasti. Anche, ovviamente, in Ucraina, dove l’emergenza alimentare causata dall’invasione russa rischia di contagiare tanti altri Paesi. Sono 27 milioni i pasti garantiti sin qui ai rifugiati ucraini, grazie alla generosità di aziende e privati cittadini che hanno deciso di sostenere la no-profit di chef José Andrés. Una corsa alla solidarietà che ha contagiato anche il mondo del vino, a partire da Quilceda Creek, griffe dello Stato di Washington e punto di riferimento per tutto il territorio con il suo Cabernet Sauvignon, capace di raccogliere più di 305.000 dollari. Un risultato sorprendente per un’azienda a conduzione familiare, come sottolineano il presidente Paul Golitzin ed il direttore generale Scott Lloyd. Merito, da un lato, dei membri del wine club di Quilceda Creek - che hanno acquistato, en primeur, in meno di un’ora, le annate 2020 di Quilceda Creek Horse Heaven Hills Sauvignon Blanc e Quilceda Blanc Columbia Valley White Wine - e, dall’altro, della famiglia Golitzin, che ha contribuito in maniera importante.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli