02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La responsabilità sociale di impresa è virale: in 7 anni di progetto “Etico”, Amorim Cork Italia ed i suoi 35 partner hanno ridato vita a 290 tonnellate di tappi di sughero, e raccolto fondi. Quest’anno 42.000 euro per Pantelleria, dopo gli incendi

Italia
Da Etico di Amorim tra riciclo tappi di sughero e raccolta fondi, nel 2017 42.000 euro a Pantelleria per il progetto di Cantine Pellegrino per la realizzazione di una Riserva Naturale dopo gli incendi

Quando la responsabilità sociale di impresa diventa virale, sensibilizza le coscienze, aiuta l’ambiente, anche in senso lato, e contribuisce a sostenere anche concretamente delle situazioni di difficoltà. Riassunto, in poche parole, del progetto “Etico”, lanciato nel 2010 da Amorim Cork Italia, filiale nel Belpaese del colosso portoghese del sughero Amorim Cork, che ha coinvolto 35 partner a livello nazionale tra aziende, istituzione e associazioni senza scopo di lucro, restituendo nuova vita, nel complesso, a 290 tonnellate di tappi di sughero, e raccogliendo fondi per finanziare diversi progetti. I tappi in sughero usati, infatti, vengono consegnati ad Amorim Cork Italia che li vende alle aziende specializzate nel ricavarne granina per la bioedilizia. Questo guadagno, unito a un contributo spontaneo dell’azienda, viene restituito ai partner per investirlo nelle loro attività solidali. Un circolo virtuoso completo, riconosciuto come il primo d’Italia da Legambiente, per la sua capacità di creare una catena di valore ambientale e sociale tra associazioni, aziende, enti a favore di un bene collettivo.
Come accade quest’anno, con i 42.000 euro donati all’iniziativa “Insieme per Pantelleria” della cantina Carlo Pellegrino che, a seguito degli incendi dolosi che l’isola ha subìto nell’anno, si è attivata per raccogliere fondi e realizzare una Riserva Naturale Orientata, un vivaio dove riprodurre, per il reimpianto, le specie botaniche più rare a rischio estinzione, patrimonio di valore inestimabile per l’isola e il mondo. La macchia mediterranea rappresenta infatti uno dei 35 santuari di biodiversità del pianeta. Una meraviglia che può mantenersi sana anche grazie ai 2,2 milioni di ettari di foresta da sughero, che consentono la vita a varie specie animali e vegetali e assorbono fino a 32 milioni di tonnellate all’anno di Co2 nel solo bacino del Mar Mediterraneo.
“La cultura gioca un ruolo importante - commenta l’ad Amorim Cork Italia Carlos Veloso dos Santos - perché è quella che riuscirà a trasmettere questi valori di sostenibilità. Oggi i millenials determinano gran parte degli orientamenti d’acquisto e li basano sulla presenza di un valore, una giusta causa in cui si riconoscono, che il prodotto deve avere intrinseco in sé per essere scelto. Ecco perché, tra i progetti più importanti di cui Etico si fa capofila, c’è il coinvolgimento degli istituti scolastici, dove viene operata una doppia formazione: quella didattica, ma anche alla sensibilità ambientale e sociale. È poi particolarmente partecipe il mondo sportivo, come nell’evento “Running Hearts” di Padova, dove la raccolta tappi in occasione della corsa cittadina è stata destinata al Gruppo Polis per aiutare le donne vittime di violenza o, ancora, “Porta il Cuore in Meta” di Tappodivino, che si svolge in autunno e riunisce ben 99 squadre di rugby a favore del Dynamo Camp, dove bambini e ragazzi malati vengono ospitati per periodi di vacanza e svago”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli