02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL 15 GENNAIO A CANALE

La stagione del tartufo bianco finisce con un “grazie” speciale: ai “Tabui” e al loro fiuto

Nelle Langhe, Roero e Monferrato, i cani da cerca sfilano con i trifolau e le autorità nel “Raduno Nazionale” voluto dall’Enoteca Regionale del Roero

Compagni fedeli e inseparabili dei trifolau, sono i “tabui” a portare alla luce il “diamante della terra”, e ora che la stagione di raccolta del pregiato tartufo bianco delle Langhe, Roero e Monferrato, ambasciatore nel mondo del territorio Patrimonio dell’Unesco e del made in Italy, è finita, ai cani da cerca va un “grazie” speciale: il 15 gennaio, a Canale, gli amici a quattro zampe dei tartufai sfileranno con i loro addestratori e tanto di autorità nel “Raduno Nazionale dei “Tabui” - Cani da tartufo” n. 13, promosso dall’Enoteca Regionale del Roero.
Il Raduno è l’evento con cui tradizionalmente si chiude la stagione del tartufo in Piemonte, che inizia tra settembre e ottobre e ha il suo clou con la “Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba”. Una stagione altalenante, ma che comunque è riuscita a soddisfare gli appassionati dell’“oro bianco” e proprio grazie anche agli amici a 4 zampe, compagni fedeli dei trifolau, i loro addestratori. A loro sarà dedicato il momento più caratteristico e divertente, la sfilata per le vie del centro storico di Canale, accompagnati dalle autorità politiche e amministrative del territorio.
Gli oltre 200 “tabui” protagonisti concluderanno la passeggiata solenne con la benedizione da parte del parroco di Canale e l’incoronazione del cane più anziano della stagione, oltre a una serie di altri premi che verranno distribuiti come ogni anno (tra cui, ad esempio, il trifolau più giovane e il trifolau donna dell’anno), e l’Enoteca del Roero omaggerà con un riconoscimento i giovani imprenditori piemontesi, che si son contraddistinti per aver valorizzato con la loro attività il territorio del Roero.

Copyright © 2000/2023


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2023

Altri articoli