02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa / Specchio

Il Santuario del Brunello ... Castiglion del Bosco, a un pugno di chilometri dallo splendido paesino del Senese noto in tutto il mondo per il suo Brunello, è fatto per ammalire, catturare, stupire. Non è soltanto un borgo, o una tenuta, né tanto meno una semplice azienda: è un dolce, riposante complesso di tutte queste cose messe insieme, inserito sulle morbide colline che cingono Montalcino, proprio all’inizio delle Crete Senesi. Un paesaggio unico, capace di far innamorare chiunque. Ne sa bene qualcosa Manfred Bernau, il 76enne finanziere amburghese che si trovò una volta a vendemmiare su queste enormi gobbe color terra, ne rimase folgorato e decise di diventarne parte integrante. Non si limitò ad acquistar terra, il dottor Bernau: rilevò la più grande tenuta di Montalcino, 1.900 ettari di sogno e un aristocratico passato alle spalle, chiamò a sé uno staff di collaboratori (il figlio Marco in testa, oggi amministratore delegato della società) e diede inizio a una ristrutturazione integrale dell’assetto organizzativo dell’azienda ... Oggi, a lavori ancora in corso, in particolare sul fronte della nuova cantina in via di ultimazione, l’azienda è soprattutto una moderna e grande realtà vitivinicola: 50 ettari di vigneto divisi in due grandi corpi principali, 120.000 bottiglie di Brunello ogni anno e le più avveniristiche tecniche di vinificazione danno un’idea precisa del peso e del ruolo di Castiglion del Bosco nel comprensorio ilcinese. Ma non è solo una questione di numeri: la nuova direzione vitivinicola, affidata nel luglio 2001 alla giovane Marina Mariani, coadiuvata dalla consulenza di Riccardo Cotarella, ha impresso slancio e vitalità qualitativa all’intera produzione, portando all’uscita di vini sempre più importanti, caratteriali, intensi. Immediato il riscontro positivo di critica e pubblico. C’è attesa per l’uscita, alla prossima fiera Vinitaly, di un taglio merlot-cabernet internationally correct, che avrà il nome di Bernaia N°1.

Castiglion del Bosco - 53024 Montalcino - Tel. 0577/807078

Produzione totale: 180.000 bottiglie l’anno

Brunello di Montalcino 1997, 120.000 bottiglie

Rosso di Montalcino 2000, 45.000 bottiglie

Brunello di Montalcino Riserva 1997, 14.000 bottiglie

Etichette Top

Il sangiovese fa la parte del leone nelle due tipologie di Brunello (anche Riserva) e Rosso di Montalcino. In attesa del nuovissimo Bernaia N°1

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli