02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa / Specchio

Il colosso del Verdicchio ... La cantina marchigiana Terre Cortesi Moncaro, un vero colosso. Un colosso che, per di più, lavora bene. Questa cooperativa, con più di mille soci, è formata da tre diverse realtà, ubicate in contesti differenti. Le cantine sono situate a Montecarotto (Ancona), uno dei più bei castelli della Vallesina, nel cuore dell’area classica di produzione del Verdicchio, dove vengono prodotti vini bianchi; a Camerano, alle pendici del Monte Conero, e in terra Picena, ad Acquaviva, sono invece vinificati, affinati e invecchiati i vini rossi Conero e Piceno. Tutte e tre le cantine sono praticamente indipendenti una dall’altra. La cantina è stata fondata nel 1971. Con il passare del tempo, soprattutto dai primi anni Ottanta in poi, il consiglio di mministrazione ha deciso di imboccare con decisionela strada della qualità Dopo questo attento riordino delle produzioni, con l’abbassamento delle rese in vigna e la selezione delle uve tra i filari, non è poi mancata l’attenzione per l’impatto ambientale delle varie fasi lavorative e per la sobrietà dei loro vini. Un altro pregio delle produzioni su larga scala è anche quello dell’abbassamento naturale dei costi; la Terre Cortesi Moncaro vanta per questo motivo un rapporto qualità/prezzo davvero invidiabile, sia sui bianchi sia sui roii importanti.

Terre Cortesi Moncaro, 60036 Montecarotto (Ancona), Tel. 0731/89245. La produzione totale: 7 milioni di bottiglie Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico, di cui Superiore Verde di Ca’ Ruptae 2002, 80.000 bottiglie; Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Le vele 2002, 80.000 bottiglie; Rosso Conero Vigneti del Parco Riserva 1999, 24.000 bottiglie ...

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli