02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa / Specchio

Vino maestro di vita ... Da qualche anno nella comunità di San Patrignano Andrea Muccioli ha messo in produzione decine di ettari di vigna. Obiettivo: dimostrare la qualità del principale vitigno autoctono, il Sangiovese.
A San Patrignano si definiscono maestri di vita. La comunità per il recupero dei tossicodipendenti fondata nel 1978 dallo scomparso Vincenzo Muccioli si è sempre distinta, oltre che per l’attività sociale, per la produzione cassearia e per l’allevamento di cavalli e cani. Qualche anno fa Andrea Muccioli, che ha raccolto l’eredità del padre, ha deciso di buttarsi a capofitto nell’attività vinicola, contando sull’appoggio e sul sincero entusiasmo dei “suoi ragazzi”. Ora intanto alla sede della comunità ci sono quasi cento ettari di vigneti - per metà in piena produzione, gli altri di recentissimo impianto - estesi in un unico corpo sulle colline di San Patrignano, a due passi dal mare di Rimini. E una modernissima cantina permetterà tra breve ai giovani tecnici della comunità - che operano sotto l’attento controllo di un enologo di assoluto valore come Riccardo Cotarella - di poter lavorare ancora meglio. Il vino più importante è l’Avi, “che”, dice Andrea Muccioli, “rappresenta il nostro desiderio di esprimere la qualità assoluta del principale vitigno autoctono della Romagna, il Sangiovese”. Avi significa “A Vincenzo”: un chiaro omaggio al fondatore della comunità. Altro rosso di grande pregio è il Montepirolo, un taglio bordolese classico chiamato a dimostrare la capacità del territorio riminese di esprimere anche con i vitigni internazionali un vino di valore assoluto. Con la vendemmia 2001 si è prodotto per la prima volta il rosso. Noi, assemblaggio di sangiovese (60%), cabernet sauvignon e merlot. “Noi rappresenta la passione, l’impegno, l’orgoglio con cui tutti noi di San Patrignano sentiamo e viviamo la comunità e il territorio in cui sorge”, continua Andrea. “Per questo fanno parte di questo vino, che racchiude in sé l’identità e appartenenza, tutte le uve rosse presenti nelle nostre terre”.
Completano la gamma il Sangiovese di annata Aulente e il Vintàn, bianco da uve sauvignon.

Da provare:

Sangiovese di Romagna Avi Riserva 2000

Colli di Rimini Rosso Noi 2001

Sangiovese di Romagna Superiore Aulente 2002

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli