02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa

Zonin, il banchiere “di vino” … Lui ama definirsi “alto e gentile”. Chi lo conosce concorda e aggiunge un “rispettoso” che lì per lì sembrerebbe un omaggio alla cortesia dell’uomo se non fosse che in terra veneta, patria del sessantasettenne Gianni Zonin, l’imprenditore che possiede e dirige la maggior azienda vitivinicola italiana, il banchiere che sta a capo della Popolare di Vicenza, l’essere “rispettoso” significa qualcosa di più: detto in poche parole, la capacità di riuscire a trovare sempre la via giusta per arrivare laddove si vuol arrivare possibilmente senza inimicarsi nessuno … Perchè sia chiaro, banchiere finchè si vuole, Zonin, deciso a estendere il suo gruppo a Intra e nella Bpi, ma prima di tutto imprenditore vitivinicolo, l’amore di sempre (accomunato q quello per i libri d’antiquariato) in una famiglia che da generazioni produce vino. Ma anche qui è lui, Gianni, a far cambiare il volto della Zonin trasformandola da produttrice di vino venduto al supermarket in produttrice di vino di qualità, etichette prestigiose, undici grandi proprietà in Friuli, Toscana, Oltrepò, Piemonte, Puglia, Sicilia, una tenuta in Virginia (Usa) oltre alla storica cantina di Gambellara la casamadre: 3 mila ettari, 25 milioni di bottiglie prodotte, 90 milioni di fatturato. (arretrato del 18 febbraio 2006)

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli