02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa

… La guida dei vini che guarda oltre il bicchiere … La critica enologica in questi ultimi anni si è concentrata soprattutto sul giudizio del vino e della bottiglia. Per troppo tempo abbiamo guardato il bicchiere senza andare oltre. Un limite non da poco visto che il vino nasce da una filiera che va analizzata a fondo e che merita grande attenzione. Raccontare le persone che contribuiscono alla nascita di una bottiglia non è un esercizio fine a se stesso. Perché la conoscenza diretta dell’azienda può contribuire in maniera fondamentale all’acquisto di un vino piuttosto che di un altro. È giusto che i consumatori conoscano quale tipo di agricoltura fa un’azienda e in che zona crescono le sue viti, probabilmente queste informazioni sono più utili rispetto alla conoscenza di mille profumi o sapori di un’etichetta. Il nostro giudizio su un vino potrebbe anche cambiare dopo aver capito se chi ha prodotto quell’etichetta lo ha fatto acquistando tutte le uve o coltivandole direttamente. Eppure fino ad oggi le guide di settore non hanno mai giudicato le aziende, preferendo limitarsi ai soli vini.
La nostra nuova guida Slow Wine 2011 ha deciso di cambiare registro e di dedicare grande attenzione alla selezione delle cantine, indicando al lettore una propria chiave di lettura ben precisa. Sono state individuate 160 aziende in Italia a cui è stato attribuito il simbolo della Chiocciola. Queste cantine sono quelle che interpretano valori organolettici, territoriali, ambientali e identitari in sintonia con Slow Food. I lettori avranno quindi la possibilità di scegliere un particolare vino non solo per la sua bontà (criterio che rimane di primaria importanza), ma anche per la cura espressa dai vignaioli nella coltivazione della vite e nella vinificazione naturale del vino. Il pomeriggio di mercoledì, alla Reggia di Venaria, nell’affascinante contesto della Galleria di Diana, gli appassionati di vino avranno la possibilità di incontrare i produttori insigniti della Chiocciola e di assaggiare i loro vini. Un’occasione unica visto che oltre ad alcune cantine di assoluta fama, la nuova Guida ha scovato aziende meno conosciute ma di altissimo valore.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli