02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
KERMESSE

La tradizione di portare in spiaggia il cibo preparato a casa, rivive in “A Tavola sulla Spiaggia”

A Forte dei Marmi, per il piatto dell’estate 2019, in gara concorrenti d’eccezione e una giuria di chef stellati e vignaioli

La tradizione, tutta italiana, di portare in spiaggia, nello stile di “Vestivamo alla Marinara”, il cibo preparato a casa, dai cestini di vimini dei benestanti alle grandi pentole di pasta in stile Ave Ninchi nel film “Domenica di Agosto”, rivive nella Versilia da bere di “A Tavola sulla Spiaggia”, show sulle “sabbie nobili” di Forte dei Marmi, ideato e organizzato da Gianni Mercatali, che il 22 agosto al Bagno Roma di Levante e il 23 agosto a La Capannina di Franceschi proclamerà il piatto dell’estate 2019. In sfida, concorrenti d’eccezione come Paolo Chiappini, il cambusiere di Ocean Bird, la barca a vela per regata transoceanica, Renato Raimo, attore di teatro, cinema e TV, Rubina Panatta, figlia di Rosaria e Adriano, imprenditori come Roberto Bré, Massimo Mattei e Ubaldo Bocci, professionisti come Monia Lencioni, Bianca Bellucci Galdo e la giovane Virginia Botta Tommei. A decretare il piatto vincitore, che dovrà declinare il tema del recupero, della cucina del riciclo, della sublime arte di preparare pietanze buone e salutari senza buttar via niente, una giuria di altissima qualità, composta da chef stellati e vignaioli, da Gianfranco Vissani a Davide Oldani, da Riccardo Monco, primo chef di Enoteca Pinchiorri, ad Enrico Marmo del ristorante Contrada, insieme al gastronauta Davide Paolini e Renato Pozzetto, e ancora Gianmarco Tognazzi e la sua Tognazza, Bibi Graetz, Bellavista, Podere Monastero di Castellina in Chianti, Roberto Castagner con le sue grappe e Maria Menarini di Donne Fittipaldi a Castagneto Carducci, ma anche giornalisti, opinion leader e appartenenti al settore della comunicazione della ristorazione.
In abbinamento ai piatti, così, vini che raccontano il terroir italiano, soprattutto della Toscana: Val delle Rose in Maremma (“Passata di cannellini con polpettine di pane al rosmarino”), Donne Fittipaldi (“Vellutata di zucca con gamberi”), Colle di Bordocheo dalle Colline Lucchesi (“Involtino di pesce spada”), Podere Monastero da Castellina in Chianti (“Terrina di acciughe con la cipollata”) e Testamatta di Bibi Graetz a Fiesole (“Sfilacciato di razza del Mediterraneo su fagioli schiaccioni degli orti di Pietrasanta, fagiolino giallo di Capezzano e scorza di limone di Sorrento”), Arnaldo Caprai dall’Umbria (“Seppie in Inzimino”) e Bellavista dalla Franciacorta (“Insalata di riso”), La Tognazza dal Lazio (“Entrée Fiorito”) e, dalla Champagne, Perrier Jouet (“Pappa al pomodoro”), mentre i dolci saranno abbinati alle grappe di Castagner (“Pesche 1929”, “Torta di fichi di Terrinca” e “Pastiera Napletana”). “A tavola sulla spiaggia è una tradizione dell’estate in Versilia - commenta Gherardo Guidi - un richiamo alla miglior esperienza gourmet, certificata dai grandi chef della giuria. L’edizione 2019 coincide con una ricorrenza straordinaria: i 90 anni della Capannina, famosa a livello internazionale anche per il proprio sufflé e dove il conte Camillo Negroni volle portare il suo cocktail inventato a Firenze. Il barman Nico lo descriveva così: “un Americano sbagliato alla maniera del conte”. Se qualcuno vuol degustare questo cocktail, famoso in tutto il mondo, in un ambiente frequentato da Negroni c’è solo la Capannina: mi auguro che i concorrenti sappiano giocare con questo valore”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli