02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
DAL 2 AL 15 MAGGIO

L’Asti e il Moscato d’Asti scendono in campo agli Internazionali Bnl d’Italia di tennis

Dopo le Nitto Atp Finals a Torino, le bollicine ufficiali dell’Atp Tour celebrano i migliori tennisti al mondo sulla terra rossa del Foro Italico
APT TOUR, ASTI DOCG, INTERNAZIONALI BNL D’ITALIA, MOSCATO D'ASTI DOCG, TENNIS, Italia
L’Asti e Moscato d’Asti sono global partner dell’Apt Tour

L’Asti e il Moscato d’Asti Docg consolidano il legame con il mondo del tennis professionistico, e tornano a scendere in campo come bollicine ufficiali del torneo Atp Masters 1000 Internazionali Bnl d’Italia a Roma. Dopo aver celebrato, in qualità di “Official Sparkling Wine and Silver Partner”, il tedesco Alexander Zverev, n. 3 della classifica Atp e campione olimpico in carica, vincitore delle Nitto Atp Finals per la prima volta in Italia a Torino lo scorso novembre, l’Asti Docg, in veste di global partner dell’Atp Tour, accompagnerà dal 2 al 15 maggio le vittorie dei grandi campioni e i momenti conviviali fuori e dentro la terra rossa del Foro Italico.
Gli Internazionali Bnl d’Italia sono uno dei tornei di tennis più prestigiosi del circuito internazionale e vedono sfidarsi sulla terra rossa del Foro Italico a Roma i migliori tennisti del mondo nel singolare e nel doppio, maschili e femminili. E l’edizione n. 79, vede la riapertura piena degli spalti al pubblico dopo due anni di restrizioni e limitazioni a causa della pandemia.
“Gli ideali dello sport si sposano perfettamente con i principi che animano il lavoro quotidiano delle famiglie piemontesi che da generazioni coltivano l’uva Moscato bianco - spiega il Consorzio - la storia e i valori dei paesaggi viticoli Patrimonio dell’Umanità Unesco e l’esperienza e la passione dei produttori saranno così ancora una volta sotto i riflettori di un evento prestigioso con risonanza internazionale”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli