02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
RICONOSCIMENTI

Le 59 “Spighe Verdi” 2021 ai Comuni che tutelano e valorizzano le proprie risorse ambientali

Natura, buon cibo, accoglienza autentica e slow: il riconoscimento della Fee - Foundation for Environmental Education

Sono 59 le “Spighe Verdi” 2021, i riconoscimenti assegnati oggi dalla Fee - Foundation for Environmental Education, ai Comuni rurali che in Italia che si distinguono per il modo in cui tutelano e valorizzano le loro risorse ambientali. E 18 Comuni sono le novità (sul 2020), mentre 5 sono i Comuni che escono dalla lista: la Regione più virtuosa è il Piemonte, con 10Spighe Verdi”. Seguono le Marche, con 9 territori premiati, quindi la Toscana con 7, la Puglia e la Calabria con 6, il Lazio con 5, la Campania con 4, Umbria e Abruzzo con 3, Veneto con 2, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia e Sicilia con 1.
Corrispettivo rurale delle “Bandiere Blu” assegnate alle località balneari, le “Spighe Verdi” sono diventate un marchio di qualità, una garanzia per una vacanza in campagna fatta di natura, buon cibo, accoglienza autentica e slow e quindi anche un volano per lo sviluppo economico e l’occupazione. Come sottolinea Confagricoltura, “Spighe Verdi” è un efficace strumento di valorizzazione del nostro patrimonio rurale, ricco di risorse naturali e culturali, anche in un’ottica di occupazione. Affinché il programma raggiunga il massimo del risultato, sono necessari due elementi essenziali: la volontà dell’Amministrazione comunale di iniziare un percorso di miglioramento e la partecipazione della comunità e delle imprese, in particolar modo quelle agricole, alla sua realizzazione.
Una gestione del territorio verso la sostenibilità basata su una lunga lista di indicatori che vengono valutati dalla Fee con un gruppo di lavoro del quale fanno parte il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, il Ministero per il Turismo, l’Ispra - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale e Confagricoltura. In tutto tengono in considerazione 67 indicatori per 16 macro aree, tra cui: la partecipazione pubblica; l’educazione allo sviluppo sostenibile; il corretto uso del suolo; la presenza di produzioni agricole tipiche, la sostenibilità e l’innovazione in agricoltura; la qualità dell’offerta turistica; l’esistenza e il grado di funzionalità degli impianti di depurazione; la gestione dei rifiuti con particolare riguardo alla raccolta differenziata; la valorizzazione delle aree naturalistiche eventualmente presenti sul territorio e del paesaggio; la cura dell’arredo urbano; l’accessibilità per tutti senza limitazioni. Sono solo alcuni degli indicatori che guidano il programma e che saranno suscettibili di variazioni, in un’ottica di miglioramento continuo e di massimo coinvolgimento dei Comuni italiani.
“Registriamo quest’anno - dice Claudio Mazza, presidente Fee Italia - un importante aumento delle località “Spighe Verdi”. Non solo per i Comuni rurali che ottengono oggi la certificazione, ma anche per tutti i territori che hanno chiesto di avviare il percorso. Da Nord al Centro e al Sud, segno che l’attenzione e l’impegno per uno sviluppo sostenibile del territorio, la scelta di politiche di gestione rispettose dell’ambiente, la necessaria sinergia tra amministrazioni locali e agricoltori sta crescendo, così come cresce la consapevolezza che questa è l’unica via perseguibile per il nostro futuro. Un lungo e grande lavoro è stato compiuto negli anni, passo dopo passo, prima attraverso il programma “Bandiera Blu” e poi con “Spighe Verdi”, abbiamo affiancato, supportato e guidato i Comuni nel processo di cambiamento. Le località “Spighe Verdi” - conclude Mazza - rappresentano un’eccellenza italiana, frutto di un lavoro costante, di sensibilizzazione della cittadinanza, di formazione degli amministratori, di percorsi costruiti all’insegna della sostenibilità ambientale e di un miglioramento della qualità della vita. Un’eccellenza italiana proprio come i prodotti agricoli Dop, Igp, Doc che la nostra Italia vanta ed esporta nel mondo”.
“Il costante aumento del numero dei Comuni “Spighe Verdi” - sottolinea Massimiliano Giansanti, presidente Confagricoltura - dimostra che cresce di anno in anno la sensibilità verso la sostenibilità, l’economia circolare, la valorizzazione dei prodotti tipici, l’accoglienza, ovvero i temi che caratterizzano il programma di Fee (Foundation for Environmental Education), al quale Confagricoltura collabora con convinzione dalla prima edizione. Non a caso abbiamo scommesso da tempo e crediamo profondamente nella necessità di un rilancio delle aree interne del Paese e dei centri che hanno nell’agricoltura il loro punto di forza. La pandemia ha accentuato questa convinzione e fornito ulteriori elementi per stimolare le amministrazioni pubbliche a investire in questa direzione. Il nostro settore - continua Giansanti - svolge un ruolo di primaria importanza, a fianco dei Comuni, non solo nella tutela e nella valorizzazione dei territori, ma sempre più nella transizione ecologica che coinvolge anche le città rurali, con le loro imprese e comunità. Siamo fieri di essere protagonisti del programma di ‘Spighe Verdi’ nel segnare le tappe di questo cambiamento che pone al centro l’agricoltura, il paesaggio rurale e la cura del territorio”.
Il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Stefano Patuanelli, invece, sottolinea come
“oggi la sostenibilità economica, ambientale e sociale rappresenta i cardini del dibatto in materia di Next Generation Eu e di riforma della Pac, ma tengo a sottolineare che sette anni fa il vostro programma ha avviato un percorso pioneristico in materia di buone prassi per lo sviluppo delle aree e delle popolazioni rurali. La partecipazione di Confagricoltura testimonia in maniera concreta il ruolo centrale del settore primario nella difesa del paesaggio, nella tutela della biodiversità e nella produzione di alimenti di qualità. A questo si aggiunge l’esperienza maturata nel tempo da Fee Italia che ha consentito di misurare la sostenibilità dei territori, sviluppando e implementando, tramite una serie di indicatori, una procedura di valutazione e monitoraggio delle azioni dei Comuni. Oggi la grande sfida dell’agricoltura - conclude il Ministro Patuanelli - è quella di produrre di più e meglio, preservando le risorse naturali e garantendo un’equa distribuzione del valore lungo la filiera”.
“Come dimostra l’esperienza delle Bandiere Blu, la qualità premia sempre. Quindi, ben vengano le “Spighe Verdi”. Un marchio - chiosa il Ministro del Turismo, Massimo Garavaglia - che potrà premiare quelle aree del territorio, magari meno conosciute e lontane dai flussi turistici, che potranno attrarre visitatori e diversificare così la creazione di ricchezza della zona. Tra l’altro, scelte del genere vanno nella direzione di valorizzare aree oggi meno note del Paese ed inserirsi a pieno titolo nell’azione del governo di allentare la pressione sui grandi poli di attrazione turistica. E rilanciare quel turismo lento, focalizzato sull’enogastronomia, oggi molto ricercato dai visitatori e punto di forza della nostra offerta turistica”.

Focus - Tutte le 59 Spighe Verdi

Piemonte

Alba

Bra

Canelli

Centallo

Cherasco

Guarene

Monforte d’Alba

Pralormo

Santo Stefano Belbo

Volpedo

Marche

Esanatoglia

Grottammare

Matelica

Mondolfo

Montecassiano

Montelupone

Numana

Senigallia

Sirolo

Toscana

Bibbona

Castellina in Chianti

Castiglione della Pescaia

Castagneto Carducci

Fiesole

Grosseto

Massa Marittima

Calabria

Belcastro

Montegiordano

Roseto Capo Spulico

Santa Maria del Cedro

Sellia

Trebisacce

Puglia

Andria

Bisceglie

Castellaneta

Carovigno

Ostuni

Troia

Lazio

Canale Monterano

Gaeta

Pontinia

Rivodutri
Sabaudia

Campania

Agropoli

Capaccio Paestum

Massa Lubrense

Positano

Abruzzo

Gioia dei Marsi

Giulianova

Tortoreto

Umbria

Deruta

Montefalco

Todi

Veneto

Montagnana

Porto Tolle

Emilia-Romagna

Parma

Liguria

Lavagna

Lombardia

Sant’Alessio con Vialone

Sicilia

Ragusa

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli