02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
TRA DOP E IGP

Le eccellenze del territorio fanno sistema: tra vino, mele, formaggio e speck, il caso Alto Adige

Al via la campagna triennale per la promozione di Vini Alto Adige Doc, Mele Alto Adige Igp, Speck Alto Adige Igp e Formaggio Stelvio Dop
ALTO ADIGE, CAMPAGNA PROMOZIONALE, DOP, FORMAGGIO, IGP, MELE, SPECK, vino, Italia
Tra vino, mele, formaggio e speck, la sinergia delle eccellenze dell'Alto Adige

Le eccellenze, in un territorio, possono essere tante e diverse, ma mettere in sinergia le proprie migliori tipicità è una scelta vincente. Strada intrapresa in maniera decisa dell’Alto Adige, che vede partire in questi giorni la campagna di promozione che ha per protagonisti i Vini Alto Adige Doc, la Mela Alto Adige Ipg, lo Speck Alto Adige Igp e il Formaggio Stelvio Dop, nel quadro della campagna “Europa, dove la qualità è di casa” che mira a promuovere i prodotti contraddistinti dai marchi di qualità europei.
Dal 2018 al 2020, si punterà sulla sensibilizzazione di esperti, professionisti e consumatori. Informazione e degustazione i due pilastri su cui si muoverà la campagna, con il claim “Sapori autentici e garantiti dall’origine”.

Sono in programma, sui 3 anni di campagna in Italia, un totale di 540 giorni dedicati alla degustazione delle Mele Alto Adige Igp, dello Speck Alto Adige Igp e del Formaggio Stelvio Dop, nella grande distribuzione, rivolti ai consumatori, mentre sono in programma 12 seminari per la formazione di sommelier su tutto il territorio della Penisola, oltre a pubblicità su testate specialistiche e generalisti, e sui social, anche con la collaborazione di influencer, food e wine blogger. Un’esperienza interessante , da guardare come modello, e che vede per protagonisti i Consorzi a tutela della denominazioni coinvolte.
La denominazione Vini Alto Adige Doc esiste dal 1971.
Oggi più del 98% dell’intera superficie viticola dell’Alto Adige ha la certificazione Doc. Tutti i vini della zona DOC sono sottoposti a rigorosi controlli di qualità, ad esempio limitazioni alla vendemmia, valori minimi per il tenore di alcol e acidità e molto altro ancora. Grazie alla posizione geografica e al clima mite, alla confluenza tra le zone alpina e continentale, l’Alto Adige rappresenta una regione viticola estremamente variegata, dove su 5.400 ettari di superficie coltivata a vite crescono 20 vitigni diversi, di cui 60% uve bianche e 40% uve rosse.
Nel 2005 l’Unione europea ha riconosciuto alla Mela Alto Adige Igp l’Indicazione Geografica Protetta. 300 giorni di sole l’anno, abbondanti piogge primaverili, un’estate e un autunno solitamente miti regalano alla regione le condizioni ideali per la coltivazione di mele fino a 1.000 metri di altitudine. Questo clima assolutamente unico, abbinato a pratiche agricole controllate, naturali ed ecologiche, conferisce alle mele dell’Alto Adige la tipica qualità succosa e croccante. Al momento sono 13 le varietà con il marchio Igp: Braeburn, Elstar, Fuji, Gala, Golden Delicious, Granny Smith, Idared, Morgenduft, Jonagold, Pinova, Red Delicious, Topaz, Winesap.
Lo Speck Alto Adige Igp ha ricevuto l’Indicazione di Origine Protetta nel 1996. L’accurata selezione della carne di maiale, linee guida chiare e rigorosi controlli rendono lo Speck dell’Alto Adige assolutamente inconfondibile. Il motto dei produttori “Poco sale, poco fumo e tanta aria fresca” fa parte della tradizione viva e vissuta, tramandata di generazione in generazione.
Il Formaggio Stelvio Dop ha ricevuto nel 2007, unico formaggio dell’Alto Adige a vedersi riconoscere il marchio di qualità, la denominazione di origine protetta dall’Unione europea. Il marchio garantisce qualità nel rispetto della tradizione e delle origini storiche e geografiche: la produzione dello Stelvio è documentata sin dal 1914. Si tratta di un formaggio tipico della regione, stagionato per almeno 60 giorni. Per ottenerlo viene lavorato latte vaccino fresco proveniente da masi alpini, la maggior parte dei quali è situata a oltre 1.000 metri di altitudine, entro 48 ore.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli