02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
DATI

Le spedizioni di vino italiano, nei primi 10 mesi 2021, a 5,82 miliardi di euro: +13% sul 2020

Analisi WineNews su dati Istat: meglio anche del 2019 (+10%), grazie a Usa e Germania, che insieme valgono il 40% dell’export
ANALISI WINENEWS, CANADA, CINA, DATI ISTAT, EXPORT, Germania, GRAN BRETAGNA, ITALIA, RUSSIA, USA, vino, Italia
Le spedizioni italiane nei primi 10 mesi 2021

Il 2022 porterà, per forza di cose, ad un ritocco sensibile dei listini del vino, che dovranno fare i conti con il boom dei costi delle materie prime, dei carburanti, dell’energia e dei trasporti e con l’inflazione - cresciuta del +3,9% a dicembre 2021 su dicembre 2020 - ai livelli più alti dal 2012. Una necessità che potrebbe portare ad una contrazione delle esportazioni nei prossimi mesi, almeno in termini di volumi, mentre a valore la speranza è di proseguire sulla strada tracciata in un 2021 destinato a segnare un nuovo record per le spedizioni del vino italiano all’estero. Come confermano i dati sull’export relativi ai primi 10 mesi 2021 (elaborati da Istat), con le produzioni enoiche italiane a quota 5,82 miliardi di euro, in crescita del +13,23% sullo stesso periodo del 2020, e del +10% sul 2019.
Gli unici mercati a non aver ancora recuperato il giro d’affari pre-Covid, per motivi decisamente diversi, sono Gran Bretagna e Giappone, mentre la Norvegia è l’unico mercato di rilievo in leggero calo sul 2020. Impressionanti, al contrario, le performance di Stati Uniti e Germania, che insieme rappresentano più del 40% del vino italiano esportato nel mondo.

Nell’analisi WineNews degli ultimi dati Istat, nei primi 10 mesi 2021, la Svizzera si è assestata a quota 332 milioni di euro di vino importato (+9,9% sui primi dieci mesi del 2020 e +9,2% sul 2019), mentre la vicina Francia (dove il Prosecco vale il 4% delle importazioni totali) arriva a 187 milioni di euro di vino acquistato dall’Italia (+14,7% sul 2020 e +5,6% sul 2019), e l’Austria supera i 90 milioni di euro di importazioni, poco più dello scorso anno (+1,3% sul 2020 e +5,3% sul 2019). La Germania si conferma, di gran lunga, il secondo sbocco di mercato per il vino italiano, che nei primi 10 mesi 2021 ha fatturato 917 milioni di euro (+5,7% sul 2020 e 9,3% sul 2019), nei Paesi Bassi l’export enoico del Belpaese è arrivato a quota 175,6 milioni di euro (+14,2% sul 2020 e +32,5% sul 2019), staccando la Svezia, a 166 milioni di euro (+9,9% sul 2020 e +11,4% sul 2019), e la Norvegia, con 95,8 milioni di euro di vino importato dal Belpaese, segna una flessione del -2,2% sui primi 10 mesi 2020 (ma una crescita del +24% sul 2019). Prosegue il recupero, lento ma inesorabile, della Gran Bretagna, che chiude i primi 10 mesi 2021 a quota 588,9 milioni di euro (+5,3% sul 2020 e -6% sul 2019), con la Russia che arriva a 114,8 milioni di euro (+17,5% sia sui primi 10 mesi 2020 che 2019).
Volando idealmente Oltreoceano, gli Stati Uniti giocano da tempo una partita a sé, e, i primi 10 mesi 2021, spingono le spedizioni del vino italiano a quota 1,46 miliardi
di euro (+20% sullo stesso periodo 2020 e +14% sul 2019). Anche il vicino Canada, dove il Monopolio di Stato garantisce - al netto di una certa rigidità - la stabilità del mercato, continua a crescere, arrivando a 325,8 milioni di euro (+8,6% sul 2020 e 9,9% sul 2019). Infine, l’Asia, a partire dalla Cina, tornata praticamente ai livelli del 2019, con le importazioni a quota 105 milioni di euro (+48,7% sul 2020 e -1,3% sul 2019. Ancora meglio fa la Corea del Sud, ormai una realtà importante del mercato enoico in Estremo Oriente, con 65,2 milioni di euro (+97,5% sui primi 10 mesi 2020 e +128% sul 2019). Ancora a rilento, come anticipato, le importazioni di vino italiano del Giappone, che chiude i primi 10 mesi 2021 a 133,4 milioni di euro (+5,2% sul 2020 e -14,3% sul 2019). Infine, la porta per la Cina di tanti vini importanti, Hong Kong, dove l’Italia ha spedito 23,3 milioni di euro di vino (+28,7% sul 2020 e +4% sul 2019).

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli