02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO ED EVENTI

L’enoturismo riparte dalla vigna, e dal Movimento del Turismo del Vino del Friuli Venezia Giulia

Con “Vigneti Aperti” è la prima Regione a provare la ripartenza, nel week-end 1-2 maggio, per guardare al futuro

I grandi spazi aperti di un vigneto, la bellezza del paesaggio disegnato dai filari: l’enoturismo in un Italia in gran parte in zona gialla prova a ripartire dalla vigna, e con “Vigneti Aperti” del Movimento del Turismo del Vino, il Friuli Venezia Giulia si muove in “avanscoperta”, dando il via, nel week-end 1-2 maggio, ad una serie di eventi fatto di visite ai vigneti e in cantina, aperitivi in vigna, laboratori sensoriali, picnic, cene con il vignaiolo, musica in vigna e tante altre curiosità. “Ogni incontro - sottolinea il Movimento Turismo del Vino del Friuli Venezia Giulia - avverrà nel pieno rispetto delle normative igienico sanitarie previste (obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto, distanziamento personale e così via) e all’aria aperta”. D’altronde, come ricorda il Movimento del Turismo del Vino friulano, “per capire il vino, bisogna camminare la vigna”, diceva Luigi Veronelli, e oggi potremmo dire “per capire la vita, bisogna camminare la vigna”, con una natura che, con con i suoi cicli e stagionalità, è sempre rimasta un indiscutibile punto fermo trasmettendo a tutti noi un senso di sicurezza in questo complicato periodo pandemico”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli