02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Libero

Vinexpo, un po’ più tricolore ... Bordeaux... Saranno 320 le cantine italiane che, con l’Ice e le Camere di Commercio, o da “indipendenti” (dal Gruppo Italiano Vini a Cecchi, da Santa Margherita a Zonin, da Masi Agricola a Tenuta dell’Ornellaia), rappresenteranno l’Italia a Vinexpo (www.vinexpo.com), dal 19 al 23 giugno a Bordeaux, per
alimentare la spinta all’export. E proprio da Vinexpo arriva uno studio sul vino italiano, in cui si fissano alcuni punti fermi: l’Italia è il secondo produttore di vino d’uva al mondo, il primo consumatore mondiale di vini fermi in termini di volume (quinto in termini di valore). È il quinto consumatore mondiale di vini frizzanti, il sesto mercato mondiale in termini di consumo di vini
commercializzati a più di 10 dollari americani la bottiglia. È il primo mercato mondiale per il consumo di vini commercializzati a meno di 5 dollari americani la bottiglia e il primo esportatore
mondiale di vino in termini di volume e secondo in termini di valore. Sul fronte degli alcolici, l’Italia segna decisamente il passo: il consumo è retrocesso del 4,25 % fra il 2005 e il 2009. Al di fuori di rhum e vodka - il cui consumo aumenta - tutte le categorie di alcolici retrocedono, in particolare i liquori e i brandy.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli