02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Libero

Le sensazioni del sommelier ... Un calice di sincerità... Era il 1989 quando Steven Soderbergh
vinceva la 42ª Palma D’Oro al Festival di Cannes con “Sesso, Bugie e Videotape”, ed io dopo aver visto quel film credevo di poter smascherare tutte le bugie. Mai tale certezza fu più smentita nella mia vita. Si dice che: “gli occhi sono lo specchio dell’anima”, beh allora io, i miei uomini, li ho
trovati tutti con un’anima contraffatta, visto che anche quando dicevano la bugia più grossa del
mondo e cercavo di scorgere anche un piccolo tremolio o cedimento, in quelle pupille non trovavo niente! In confronto a loro, alcuni attori da Premio Oscar sembravano recitassero all’oratorio.
Invece i vini aromatici non mentono, non potrebbero e non lo sanno fare ed io per questo li adoro. Se metti il naso nel bicchiere e “ascolti” delle note di frutta esotica, agrumi dolci, noce moscata, un po’ di cannella, rosa gialla e folate minerali, sai di essere davanti ad un Gewurtztraminer, non puoi sbagliare, il vitigno aromatico non te lo permette. Meraviglioso. E con gli uomini sto imparando
anch’io. Uno, qualche sera fa mi ha detto che non gli piacevo: mentiva! Infatti non era per nulla
aromatico.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli